Daniela VIGLIANO – “Viaggiatore sul mare di nebbia – di Caspar David Friedrich” (racconto su quadro)


Racconto su quadro


VIAGGIATORE SUL MARE DI NEBBIA



Non so se riuscirò, a parole, a spiegare quel che si vede, da qui. È un qualcosa di meraviglioso, ovunque si giri lo sguardo.

Un susseguirsi di colline e dirupi, valli, creste di terreno, infossamenti e rigonfiamenti, montagnole e monti più alti, alberi e cespugli e vegetazione incolta che si intravedono e  si confondono nella nebbia che li avvolge ma non li ottunde totalmente.

Il silenzio è assoluto, tangibile. La sensazione è quella che stia per accadere qualcosa di imponderabile, o che sia appena accaduta.

Qui sembra di essere all’inizio del mondo, quando ancora non c’era la vita, ma solo natura. Qui mi sento come il primo essere creato sulla terra, che si alza dal suo torpore primordiale e si guarda intorno. Solo silenzio e tutta questa deserta infinità.

Non riesco a distogliere lo sguardo: starei qui per sempre, ad aspettare non so cosa, ma ad aspettare.

È un luogo incantato, dove ho l’esatta consapevolezza di cosa sia “l’assoluto”: il mio essere è in comunione con il creato, come esistessi da sempre, dall’inizio del mondo.

Perché è qui l’inizio del mondo e qui, forse, la fine.

Autore: admin

Condividi