Associazione Nazionale Critici di Teatro- Lettera aperta del presidente per il nuovo anno

 

Associazione Nazionale Critici di Teatro

 

 

 

LETTERA APERTA DEL PRESIDENTE


img-1


Cari amici,
in questo ultimo giorno del 2016 voglio inviarvi i miei auguri per un sereno e laborioso 2017. E voglio anche rivolgere un pensiero ed un saluto a quanti quest’anno ci hanno lasciato.
Anche quest’anno ci siamo impegnati, tutti insieme ed ognuno nel proprio luogo di lavoro, a dare attenzione e testimonianza di quanto avviene nel grande ed importante segmento della società che lo spettacolo definisce e rappresenta.

Abbiamo lavorato molto, e la nostra Associazione è stata protagonista di incontri, occasioni di riflessione, dibattiti, convegni, festival spettacoli, dando attenzione e importanza al lavoro di tanti, drammaturghi, attrici ed attori, performer, ballerine e ballerini, registi, scenografi, costumisti, disegnatori di luce, tecnici che hanno fatto vivere spettacoli meritevoli di grande attenzione.

Quest’anno, grazie al vostro lavoro la nostra Associazione ha acquistato ulteriore prestigio affermandosi come punto di riferimento qualificato per tanti. Ve ne sono grato. Siamo cresciuti di numero dando spazio a tanti giovani impegnati nel lavoro di lettura dello spettacolo, siamo stati attenti ed aperti alle esperienze della comunicazione via web collaborando tanto alle riviste e testate più giovani quanto a quelle più prestigiose ed antiche, siamo stati aperti ai linguaggi più differenti e nuovi, abbiamo riaffermato con forza il valore di una tradizione e di una storia che non possiamo sentire come peso ma che vogliamo vivere come forza propulsiva per tante intelligenze in cerca di nuove frontiere di studio ed elaborazione.

Sono certo, me lo auguro e ve lo auguro, che l’anno che verrà sarà per tutti noi laborioso, sereno e lieto e che ci troveremo ancora insieme nei teatri, in spazi belli nuovi ed antichi dove lo spettacolo si celebra anche per nostro merito.
A voi tutti dunque buon lavoro e buon 2017 con amicizia, affetto e gratitudine.

Giulio Baffi

Autore: admin

Condividi