Anna DI MAURO- Amore e musica nella cultura di età elisabettiana(Festival Magie Barocche)


Festival Magie Barocche


 

AMORE E MUSICA  NELLA CULTURA  DI ETA’ ELISABETTIANA

Catania - Palazzo Biscari - Foto di Giovanni Dall'Orto.JPG


Serata  suggestiva  quella di lunedì 14 al Palazzo Biscari di Catania, sancita  da  una ricca, articolata e pregevole esecuzione di  musiche, canti  e  testi  da Shakespeare, dove l’Amore è il grande protagonista, nell’ambito delle celebrazioni del celeberrimo drammaturgo inglese.

****


Proiettati dal magico suono delle voci e dello strumento nell’atmosfera seicentesca  della corte inglese di Elisabetta, abbiamo gustato brani shakespeariani intrecciati alle delicate e armoniose  composizioni  per consort strumentale di Jonn Dowland, il più insigne musicista inglese dell’epoca, tratte dalla raccolta Lacrhimae,  tra le cui 21 danze la Pavana lachrimae ha avuto numerose trascrizioni, accanto ad autori come William Byrd , musicista durante il regno di Maria la Sanguinaria, per poi proseguire, grazie alle sue qualità, alla corte di Elisabetta, nonostante i precedenti.  Byrd fu anche maestro di   Thomas Morley, altro musicista inglese di cui abbiamo ascoltato alcuni brani, prima cantore e in seguito compositore di madrigali e di musiche per alcune opere teatrali di Shakespeare.
Infine Thomas Campion ha chiuso l’esauriente quadro.

Al prezioso e decorato clavicembalo Basilio Timpanaro, studioso  ed esperto di strumenti antichi e della musica barocca, concertista con diversi  gruppi tra cui  Studio di musica antica “ Antonio Il  Verso”, ha eseguito con perizia i brani scelti sia per solo strumento che per accompagnamento del soprano Picci Ferrari, esperta esecutrice e socio fondatore dell’Associazione  di musica antica“ Antonio Il Verso” di Musica Antica. Il maestro  ha anche  prestato simpaticamente la voce durante un brano  teatrale.
La voce recitante di Irene Timpanaro ha completato con grazia e brio il variegato programma,
porgendo con intensità le affascinanti  parole del celebre drammaturgo, tratte da opere famose
e amate, da Il mercante di Venezia  a La  dodicesima notte, al  Sogno di una notte di mezza estate,
a Molto rumore per nulla.
Una gradevole atmosfera di gioiosa  e serena condivisione unita alla  notevole competenza degli esecutori ha  piacevolmente permeato il nono appuntamento con la Musica Antica, confermando l’alta la qualità di questo 6°  Festival.

Prossimo concerto Sabato 19 Novembre al Palazzo Biscari di Catania.

Autore: admin

Condividi