Angelo PIZZUTO- Partitura drammatica (semiseria) per uomini soli. Sala Umberto. Roma

 

 

Lo spettatore accorto

 

 


PARTITURA DRAMMATICA (SEMISERIA) PER UOMINI SOLI

le nostre donne alla Sala Umberto

Edoardo Siravo, Emanuele Salce,  Manuele Morgese in

“Le nostre donne” di Eric Assous-   musiche originali di Patrizio Marrone   scene di Lorenzo Cutùli regia di   Liviao Galassi Prod. Teatrozeta    Sala Umberto di Roma

****

Tre coppie in crisi, come tante altre che trascinano le loro incomprensioni senza l’energia per affrontarle e tentare di risolverle. Due amici aspettano un terzo per una partita a carte. Il ritardatario arriva sconvolto confessando che in un impeto d’ira ha strangolato la moglie (così crede) e chiede aiuto e protezione:  la testimonianza di un alibi falso.

Sgomento, perplessità, indecisioni, paure, egoismi, tutto viene sviscerato del loro ambiguo legame: sarcasmo, disistima, ingratitudine, rivalità taciute e rinfacciate con furioso disprezzo. Crollo dell’amicizia oltre a quello sentimentale. Ma dalle macerie pian piano – con un colpo di scena – le cose tentano di ricomporsi alla meno peggio e si può proseguire con l’acre sollievo della verità. Rimettendo in gioco le carte della vite, dentro e al di fuori del tavolo verde

Amate, odiate, rimpiante, assenze materializzate dai discorsi dei loro uomini in crisi, come loro: colpe riconosciute (colpe imputate; nessuno innocente, nessuno felice, nessuno autonomo), le donne cui si intitola la commedia non appaiono ma “incombono”- letteralmente, come negli osborniani ‘ricordi con rabbia’ (e sconforto)

Non difetta di classe, autocritica (dei personaggi), parco uso dei mezzi espressivi “Le nostre donne” primo spettacolo-in pratica- della nuova stagione romana (almeno per chi ama scandire il calendario delle convenzioni), di scena alla Sala Umberto, prima di una breve tournée autunnale. Fissando le proprie qualità di ‘spettacolo compiuto ed omogeneo’ sulla qualità della tessitura drammaturgica e della sua trasposizione scenica: mediante un tangibile lavoro dialettico-tensivo (di regia ed interpreti) indubbiamente raffinato ed intelligente.

Osando  sfiorare la farsa ma poi addentrandosi  su tematiche profonde e ‘del profondo’  tipo (anche di carattere etico),  ove la promessa, la scelta dei due   attori protagonisti (Salce e Siravo, eccellenti e sfaccettati) espletano la funzione basica del ‘dire e dell’agire’: in crescendo di animosità e tensioni.

La   spontaneità, la    naturalezza del costrutto scenico  introducono la ricorrente  situazione dell’attesa in  atmosfere di sospensione, ben rappresentata dalla ‘sezione’ scenografica (un rituale interno borghese) che  fa sentire, da subito, partecipi di un sentimento  comune: l’amicizia, nei suoi risvolti di complicità, rancore, rivalità represse, solidarietà da riconquistare.

Egregiamente  dosata sino a  spingersi al limite della farsa, la regia di Galassi, che lavora di bisturi e bulino su uno dei migliori testi di Assouss (autore francofono contemporaneo, che non vale meno della  più celebre collega Yasmine Reza, anzi accostabile ai colleghi della Maison Vitez e ad Amanda Schers distintasi al recente Todi Festiva con  “Il legame”) induce gli interpreti a non sbilanciarsi, a ritrarsi con maestria (e credibilità) per meglio adombrare i bilanci esistenziali stemperati dai filtri di un  sincero  disincanto.

L’intelligenza della scrittura e del suo ritmo (cadenzato di pause, trasalimenti, controscene), il teatrale ribaltamento dei ruoli impreziosiscono una partitura a più voci (e stati d’animo) che attraversa  tutti gli umori del presente. Facendo centro nel suo  duplice scopo di essere, al contempo, leggera e spietata, coinvolta e coinvolgente.

Luci, scenografia (con gigantografie di dipinte donne fertili, opulente), costumi, arredi, oggetti: tutto ciò che appare o entra in scena avrà infatti  ‘senso’ e’ ruolo’,   applicati al nitore di un’ articolata vicenda che si inabissa oscura e riaffiora dissolvendosi alla tenue luce di un mattino. Per un pallido sentimento di speranze prive di rassicurazione e garanzie di buona sorte.

****

Edoardo Siravo, Emanuele Salce,  Manuele Morgese in

“Le nostre donne” di Eric Assous-   musiche originali di Patrizio Marrone   scene di Lorenzo Cutùli regia di   Liviao Galassi Prod. Teatrozeta    Sala Umberto di Roma

Autore: admin

Condividi