Redazionale-Dorme sulla collina, Lorenzo Pellizzari, critico cinematografico

Dorme sulla collina

 

LORENZIO PELLIZZARI

Critico cinematografico, giornalista

****

È mancato ieri  a 78 anni, il critico cinematografico e storico del cinema Lorenzo Pellizzari. Da alcuni giorni era ricoverato all’hospice del Pio Alberto Trivulzio di Milano, per una lunga malattia.

Nato a Milano, dove ha sempre risieduto nella stessa casa natale in Città Studi, Pellizzari aveva cominciato a occuparsi di cinema negli anni universitari, dirigendo con altri il Centro Universitario Cinematografico della Statale, e abbandonando successivamente gli studi di economia per diventare redattore della storica rivista Cinema Nuovo diretta da Guido Aristarco, che ha sempre considerato il proprio maestro.

Con l’alessandrino Adelio Ferrero e il ferrarese Guido Fink aveva costituito la triplice punta di diamante della rivista negli anni migliori della sua diffusione. Nel 1976 il trio aveva poi dato luogo a una nuova, subito prestigiosissima rivista specializzata, Cinema e Cinema, che si pubblicò a Bologna in coincidenza con la chiamata di Ferrero alla cattedra del Dams dell’ateneo di quella città, dove Fink teneva già cattedra di letteratura anglo-americana, cominciando anche a collaborare alla rinnovata Cineforum alla cui testa era subentrato Sandro Zambetti. (nomi, tutti, ormai ‘leggendari’ e dimenticati della critica professionale al film o al teatro, qualdo non era un orpello o  “esubero”, per tanti editori, come le guardie forestali, n.d.r.)

L’improvvisa scomparsa di Ferrero, nel 1977, dischiuse la lunga militanza alessandrina di Pellizzari, che oltre a subentrargli nella direzione del periodico (come avrebbe più tardi fatto a sua volta lo stesso Fink), prese subito la testa del Premio annuale dedicato alla memoria dell’amico scomparso, che sarebbe divenuto in un breve volgere di tempo, e a tutt’oggi, il maggior riconoscimento nazionale destinato a giovani aspiranti critici di cinema, e che nella sua quasi quarantennale esistenza, ha lanciato decine di nomi che costituiscono oggi il nerbo qualitativo della critica cinematografica italiana.

L’apporto di Pellizzari, dal 2002, si estese all’invenzione dell’originale festival della critica cinematografica Ring!, che portò, fin dalla prima edizione polarizzata sulle presenze di Nanni Moretti e Marco Bellocchio, la città e il suo Teatro Comunale all’attenzione nazionale. L’apporto sarebbe continuato anche dopo il 2007, anno in cui un grave problema di salute colpì duramente e irreversibilmente il caro, ed ora compianto, Pellizzari.

Autore: admin

Condividi