Francesco NICOLOSI FAZIO- Futuribile. Inquietante a Dallas (tra segragazione e terrore)

 

Futuribile


 

INQUIETANTE DALLAS

© AP

© ANSA/AP

Massima vigilanza contro segregrazione strisciante e contaminazioni terroristiche.

****

La recente strage di poliziotti a Dallas (luogo emblematico) eseguita da un cecchino salito su un edificio (come Oswald) porta molti quesiti inquitetanti a chi vuole approfondire gli eventi. Ed averne memoria.

L’ attentatore di Dallas, ex militare di colore e veterano della guerra in Afghanistan, è di per sé un vero emblema di un coacervo di realtà che coinvolgono gli USA: il militarismo, la diffusione delle armi, le guerre nei paesi islamici, la strisciante segregazione razziale, segregazone di cui gli omicidi di giovani di colore, da parte delle polizie americane, è l’elemento emergente.

Negli anni ’60 fece scalpore l’adesione di Cassius Clay alla religione islamica, diventandone ministro di culto col nome di Mohammed Alì. Successivamente, negli anni ’70, il movimento dei mussulmani neri cadde nelle mani di Louis Barrakane, un “ultras” che professava palesemente l’antisemitismo e la superiorità della razza nera. Gli apparati USA furono invece spietati contro il movimento di sinistra delle “Pantere Nere”, distruggendole con l’eroina fornita gratuitamente da un boss di colore, che la importava dentro le bare dei soldati caduti in Viet-Nam, su voli rigorosamente AIR FORCE.

Uno dei problemi effettivi dell’eventuale elezione di Trump è quello di abbassare la guardia contro l’antisemitismo e quindi lasciare varchi aperti ai neo-nazisti. Il quadro che comunque potrebbe prefigurarsi è assolutamente inquietante: un mix di antisemitismo, rivolte anti-segregazioniste e terrorismo vero e proprio, un mix che potrebbe essere più che ben visto dagli estremisti islamici, non solo di colore, ma del mondo intero. La segregazione strisciante negli USA è un terreno fertile per ogni destabilizzazione.

Pertanto bisogna lavorare ovviamente di “intelligence”, ma operare seriamente contro la evidente e rinata segregazione razziale.

Autore: admin

Condividi