Anna DI MAURO- Ritratto dell’isola che non c’è (Teatro via Tezzano)

Lo spettatore accorto

 

 

RITRATTO DELL ‘ISOLA CHE C’E’

 

Teatro via Tezzano-Ultimo appuntamento di stagione

****

Al Teatro di via  Tezzano di Catania l’ultimo appuntamento della stagione ha visto  in scena
“Ritratto di un’isola”  uno spettacolo a  coronamento  del  laboratorio di drammatizzazione permanente 2015/2016  dell’Accademia d’Arte drammatica “Giovanni Grasso” di Catania, sotto  l’attenta e intensa direzione artistica di Nicola Costa, giovane e talentuoso attore, regista, drammaturgo, che ha ideato, scritto, costruito e negli anni scorsi già  rappresentato, ora diretto e  portato in scena con i suoi allievi-attori,  questo“Ritratto”, drammaturgia dell’amore e del  dolore, ma soprattutto della speranza di un uomo di teatro che del teatro ha fatto il suo impegno civile.

E’ un viaggio nella letteratura siciliana questo testo-mosaico che, gravido e fecondo portatore del
mito e della storia, attraversa una parola che da Omero, Teocrito , Lucrezio, per approdare  alla contemporaneità di Pirandello, Sciascia, Fava, passando per Goethe, il “viaggiatore” per eccellenza.

Stralciando oniricamente le suggestioni di una Trinacria che narra, incanta, seduce, denuncia, impone la sua storia, l’opera rivendica la  dignità  di un’isola dall’identità  stravolta, in nome di stereotipi e luoghi comuni che non  hanno certamente favorito l’immagine di questa terra impareggiabile, densa di profumi, colori, deturpata dall’ombra corrosiva della famigerata mafia, cancro dell’anima siciliana, la cui natura tra eros e humor  si ammanta della trasparenza che l’autore si compiace di indicare come una caratteristica fondamentale dei Siciliani per bene.

La vivacità e la frammentarietà dell’azione risalta nell’epico inizio della nave di corpi, sostenuta via via  da veri e propri quadri viventi, dove gli attori si sono profusi e coesi, lasciando  alla dimensione corale, di cui è permeato tutto il percorso, l’egida di una sentita  e robusta drammaturgia, culminata nella toccante  memoria delle vittime di mafia:
Immagini e parole. Per non dimenticare. Per sperare ancora.

Queste le ragioni complesse  di un  bel percorso teatrale  contro il silenzio -assenso,  ampiamente e chiaramente esposte da Nicola Costa in apertura e in chiusura dello spettacolo. A lui e a tutta la compagnia  sono andati i meritati  applausi  di un pubblico commosso e partecipe.

****

Ritratto di un’isola
scritto e diretto da Nicola Costa

In collaborazione con Centro studi Teatro e legalità
Accademia d’Arte drammatica  di Catania

Con : Livio Milazzo- Felicia Mancini- Pippo Toscano- Gai Musumeci- Ernesto Magrì-
Irene Galvagni- Gabriele Montemagno- Giorgia Paone- VivianaToscano- Grazia Cassetti- Alessandra Vasta- Valentino Valla- Alessandra Sapienza- Mariella Ferrara- Maricè Fiorito-
Clelia Mazzoleni- Noemi La Cava.

Al Teatro di via  Tezzano di Catania.

Autore: admin

Condividi