Cristiana MARCHETTI- Un melologo per Medea (musiche di J. A. Benda, interprete Clara Galante)

 

Lo spettatore accorto

 

 

UN MELOLOGO PER MEDEA

Clara Galante

Su musiche di Jiri A. Benda, regia di Alessio Pizzech, interprete Clara Galante (nella foto)

****

Solo il talento vocale di una artista come Clara Galante poteva essere la colonna portante di un’opera estremamente originale e complessa come la “Medea” del musicista Jiri  Antonin   Benda.

Genere musicale particolarissimo nato nel diciassettesimo secolo il melologo accosta parola e musica in un ritmo alternato,in cui le note sottolineano i passaggi del monologo,esaltandone ed ampliandone l’incisivita’emotiva, la cadenza interiore, il battito sentimentale.

La Galante, sola sulla scena, abito nero essenziale, peplo antico che assume con l’ avanzare del testo  forme attuali,modernissime, rincorre  e accoglie,le note che il  Maestro Andrea Sammartino le offre quale poetico supporto  dai tasti dal suo piano in una recitazione  asciutta, splendida, toccante.

La scenografia è inesistente, ma noi riusciamo a scorgere comunque il palazzo di Giasone, i soldati che tentano di mandare in esilio Medea ferita e dolorante e soprattutto quei figli amati e accarezzati in un gesto tenerissimo prima della decisione estrema, ineluttabile e tremenda di toglierli dal mondo pur di non lasciarli tra le odiate braccia dei suoi nemici.

Medea vendicatrice di un affronto intollerabile ed insostenibile, che, con i polsi e le mani insanguinate, sa che non perdonerà a se stessa il gesto piu’ autodistruttivo che possa concepire una madre,quasi colpo estremo e definitivo alla propria rovina.

Si assiste ad una perfetta sinergia che  scaturisce libera e trascinante tra questi due bravissimi interpreti che riescono a viaggiare congiunti e legati  tra loro e con il pubblico, ora affascinato dalla melodia del piano ora dalla voce calda e profonda della Galante.

Lo spettacolo, che ha la prestigiosa  regia di Alessio Pizzech, rappresentato per la prima volta presso il teatro Verdi di Trieste nel 2013, continua  ad essere replicato con grande successo in tutta Italia:  sarà il 2 luglio al Castello di Torrechiara a Langhirano in provincia di Parma e il 3 luglio presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica a Parma.

Un’esperienza originale, da non perdere, sia per il bellissimo testo, sia per  la qualità di una interprete e di una interpretazione  di  livello non comune.

Autore: admin

Condividi