A. R. Pi. – Tangopiano da camera (una serata con Marta Limoli, Seby Burgio)


Lo spettatore accorto



TANGOPIANO DA CAMERA

tangopiano da camera


A Catania, una serata di musica, danza, recitativi con Saby Burgio e Marta Limoli (nella foto)

****

Mezzasala e s’accendono tre candele, al centro della scena, poste su un candelabro d’argento. Buio e si palesa in un soffio una figura che sembra apparire in una notte senza tempo. Tempo che illusoriamente si ferma per poi iniziare ad attraversarci il corpo lentamente, “camminando tra le note mute e sonore” come la voce di velluto di Marta Lìmoli recita, accompagnandoci nel viaggio musicale verso il suo Tango, proposto in questo concerto spettacolo in una originale ‘veste’. TangoPiano da Camera, Concerto per Pianoforte e Voce recitante, con Seby Burgio al pianoforte, offre ad un pubblico d’élite le visioni di un repertorio d’alta suggestione ben congegnato fra partiture e testi poetici.

Alcuni intenditori avranno riconosciuto Satie ne “Le Tango Perpetuel”, così come ad esempio “Piccolo Tango” di Puccini o “Tango” dalla rielaborazione di Gershwin da un originale spartito di Bach. Molti appassionati del repertorio dei grandi classici alle prime note di “Golondrinas” e poi di “Cuesta abajo” di Gardel, avranno desiderato alzarsi e ballare ma il silenzio fitto ha avvolto la performance fino alla fine del bis offerto dagli artisti. L’eccellente Seby Burgio con il suo talento puro e la spiccata brillantezza espressiva, interpretando tutti i brani e concedendosi anche interessanti coloriture jazz, ha ottenuto consensi pieni e applausi a scena aperta.

Marta Limoli ha condotto gli interventi recitati, con suoi testi tratti dal libro “Tangue – la Lingua del Tango”, da perfetta primadonna e con maestria d’attrice, conducendo abilmente verso il sogno che tutti affascina: la passione vissuta nel Tango. Operazione degna di lode, non strizza l’occhio ad alcuno e conquista il plauso che merita.

Autore: admin

Condividi