Franco LA MAGNA- La Cina contemporanea…(“Al di là delle montagne”, un film di Zhang Ke Jia)

 

Il film della settimana

 


LA CINA CONTEMPORANEA

Tra dittatura comunista e capitalismo selvaggio – “Al di la delle montagne”   di Zhang Ke Jia

****

Conosciuto in Italia soprattutto per “Still Life” (2006) con cui si è aggiudicato il Leone d’Oro a Venezia, Zhang Ke Jia appartiene all’ultima generazione di registi cinesi che hanno interiorizzato la lezione dei maestri (primo tra tutti Zhang Yimou), inciampando spesso nell’occhiuta sorveglianza censoria d’un regime che assomma il peggiore autoritarismo del regime comunista alle storture del capitalismo selvaggio.

Con un dichiarato, ma efficace, schematismo metaforico il regista di Fenyang (località della Cina del nord) assembla ora un racconto lungo un quarto di secolo (diviso in tre capitoli, dal 1999 al 2024) che, attraverso storie personali, percorrono i radicali mutamenti in atto nel grande paese orientale, non risparmiando – nemmeno tanto sottotraccia – una critica sferzante al ‘summum bonum’ dell’etica capitalistica, quell’aura sacra fames qui incarnata in uno dei tre protagonisti del film, il quale raggiungerà il suo sogno di sfrenato arricchimento emigrando in Australia (prudente allontanamento autocensorio dall’opprimente controllo del regime).

Diverso e amaro destino è di contro riservato al “proletario”, simbolo d’una Cina ormai superata, e alla ragazza amata da entrambi, infelicemente unitasi in matrimonio proprio con chi fa del denaro la sua ragione di vita e dal quale avrà un figlio, “strappatogli” a seguito del divorzio. Proprio sul giovane, ormai del tutto “occidentalizzato” in Australia e perfino ignaro della lingua madre (parla solo in inglese) Zhang Ke punta l’attenzione nella terza parte del film, richiamato infine – perché attratto da inestirpabile legame di sangue e sconcertato dalla vita del padre del quale finalmente si libera con un ribellistico atto di resipiscenza – verso la madre lasciata in tenera età, emblema d’una feconda madreterra.

Un melodramma di lungo respiro temporale in bilico tra sentimento e storia che fonde, in una sorta di romanzo “manzoniano”, le vite di molti personaggi accentuandone la forte carica allegorica per schizzare malinconicamente una Cina verso cui, tuttavia, la speranza d’un mutamento di rotta non appare abbandonata.                                                                                                                                                    Interpreti: Regia: Zhang Ke Jia Con: Tao ZhaoZhang YiLiang JindongDong ZijianSylvia ChangSanming HanAnna Sasso

Autore: admin

Condividi