Maria LOMBARDO- “Minetti” a Palermo. Herlitzka e il brivido del sublime….


Il mestiere del critico


 

HERLITZKA E IL BRIVIDO DEL SUBLIME

Roberto Herlitzka


“Minetti” di Bernhard di scena a Palermo, regia di Roberto Andò, Teatro Biondo di Palermo

****

Vento gelido sul teatro,tempesta. Nella hall di un albergo un attore da 30 anni inattivo, aspetta il direttore del teatro (che non arriva): lo vorrebbe per “Re Lear”.

“Minetti. Ritratto di un artista da vecchio” è la pièce di Thomas Bernhard dedicata all’interprete Minetti, scomparsonel ‘98, e che ha debuttato in prima nazionale al Biondo di Palermo che la produce, regia di Roberto Andò.

Roberto Herlitzka dà i brividi nell’incarnare il tarlo esistenziale di Minetti.Tanto crede nel teatro da non crederci più. Sottolineal’iterazione nevrotica delle battute.

Va avanti e indietro, parla, parla… cerca un interlocutorefra una donna in abito da sera e una ragazza che annuisce muta. Teatro “arte orrenda”. Rumori sinistri scandiscono l’arrivo dell’ascensore: esce gente senza volto, maschere.

E ‘ il regno dell’incomunicabilità…Pensi a Beckett, a Pirandello.

La hall è palla di vetro sulla finzione. Cadela neve che affoga Minetti.

Elegante scenografiadi Carluccio, musiche di Schubert, atmosfera surreale. Roberta Sferzi e Verdiana Costanzo sono le due donne. Gli altri sono P. Corallo, V. Pasquariello, M. Francomano.

Coreografati i movimenti. Applausi convinti e insistenti.

Autore: admin

Condividi