F. L. Ma.- Castelli e castellane di Sicilia (un libro-catalogo di Aurelio Caliri)

 

Arti visive

 


CASTELLI E  CASTELLANE DI SICILIA

foto2.jpgAurelio Caliri con Alda Merini in una foto a lui cara

Di Aurelio Caliri, scrittore, musicista, pittore

****

Presentato a Catania nelle sale del Museo Emilio Greco, (Piazza S. Francesco d’Assisi, 3), nel corso della mostra che si prolungherà fino al 29 febbraio, il libro-catalogo “I Castelli e le Castellane di Sicilia”  di Aurelio Caliri, (Edizioni Arte e Musica, Siracusa, € 18,00), 103 disegni e dieci ritratti di castellane, a matita, realizzati da Maria Leone. Aurelio Caliri, nato a Buscemi (Siracusa), laureato in Filosofia all’Università di Messina, ha insegnato materie letterarie nelle Scuole Medie. Dopo alcuni anni ha lasciato l’insegnamento per dedicarsi a tempo pieno all’attività musicale e al disegno, con particolare attenzione ai paesaggi siciliani. Prima dell’avvento del cd, con “I Caliri”, gruppo storico del folk siciliano, ha pubblicato quattro album; quindi il libro “Sicilia ieri e oggi”, una storia inusuale dell’Isola vista attraverso testi, musiche, immagini e racconti, tradotto poi in lingua tedesca e diffuso dalla Società Italiana “Dante Alighieri” in Germania.

Le sue molteplici composizioni sono state eseguite in Italia e all’estero e illustri interpreti, tra cui il tenore Giuseppe Di Stefano, hanno cantato le sue canzoni. Ha tenuto concerti per le reti Rai e ha composto dei brani strumentali che hanno fatto parte delle colonne sonore di diverse trasmissioni televisive e dei film “Nerolio” e “Il macellaio”, per la regia di Aurelio Grimaldi. Ha collaborato per molti anni col pittore-poeta Salvatore Fiume di cui ha musicato delle poesie d’amore. Questo lavoro ha dato vita a un concerto e al libro “Ballate d’amore”, con allegato un cd. Nel ’96 ha conosciuto la poetessa Alda Merini e da questo incontro è nato un sodalizio artistico che si è concretizzato in una rappresentazione teatrale molto delicata e intensa, e in un cd, “Canto alla luna”. Nel 2009, insieme alla Poetessa, poco prima della sua scomparsa, ha tenuto un recital a Milano, presso il Teatro “Franco Parenti”.

I suoi disegni sono stati esposti nelle più importanti gallerie d’Italia e le sue mostre sono presentate da Salvatore Fiume, Fortunato Pasqualino, Piero Guccione, Francesco Gallo, Paolo Giansiracusa e Vittorio Sgarbi. Nel 2000 ha pubblicato una raccolta di racconti autobiografici dal titolo “La voce del vento”, con prefazione di Antonio Di Grado, a cui è abbinato un cd, che propone sue composizioni, sia vocali che strumentali, due delle quali sono eseguite da Bruno Canino. Nel 2003 ha pubblicato il cd “Bruno Canino interpreta le musiche di Aurelio Caliri” insieme al libro “Rapsodia”, che comprende tutti gli spartiti arrangiati così come li esegue il grande pianista napoletano.

Pubblicazioni di qualche anno addietro: “La Barunissa di Carini”, un libro con allegato un cd, che ripropone il famoso dramma del ‘500, tradotto in molte lingue e concepito in modo nuovo sia per l’impostazione teatrale sia per le musiche originali composte da Caliri su versi rielaborati dal poeta Salvatore Camilleri. “Pablo – Storie di  Sicilia”, 31 racconti con prefazione di Nicolò Mineo, con accluso il cd “Il pianino”. “Aretusa”, libro e cd, che si ispira al mito della ninfa e ad altri temi della tradizione siciliana. “Italo- Storie di animali”, che contiene circa 80 racconti di scrittori amici di Caliri, ispirati al rapporto d’affetto tra l’uomo e gli animali. Tra i collaboratori del libro: Aurelio Grimaldi, Paolo Di Stefano, Pino Caruso, Lombardi Satriani, Alessandro Quasimodo, Salvo Zappulla, Piero Guccione, Sonia Alvarez, ecc. “Racconti di Natale”, che contiene racconti di 52 scrittori, con allegato il cd “E’ tornato Natale”. Ogni storia è illustrata da un disegno a china di Caliri che si ispira al luogo dove è nato ciascun autore.

Ha pubblicato negli anni passati: “Eros”, 60 racconti erotici illustrati da Salvatore Fiume. I poemetti in ottave siciliane “Gli Amici Siracusani- Dàmone e Pizia”, “La Bella Camiola”, “Colapesce”, scritti da Salvatore Camilleri e musicati da Caliri. “Canti – Poesie di Giacomo Leopardi, Giovanni Pascoli e Salvatore Quasimodo musicate da Aurelio Caliri”. Ha collaborato col tenore Marcello Giordani ( concerto al Teatro Massimo Bellini di Catania); col tenore Roberto Alagna ( questi lo ha inserito in una sua trasmissione televisiva in Francia); col regista argentino Roberto Luis Garay, il quale ha tratto dal libro di racconti “Pablo- Storie di Sicilia” i temi di diverse docu- fiction. Nel 2009, su 1327 concorrenti, ha vinto il premio internazionale “Il Corto di Roma”, col film “La voce del vento”, come migliore testo, migliore musica e regia. Il film è stato girato in Argentina da Roberto Garay. Ultimamente ha debuttato a Barzanò (Lecco) con “Passione e Tango”

Autore: admin

Condividi