Redazionale- Arci Garbatella, Roma. “De Gallo bellico” di G. F. Miglio (4 dicembre) Per don Andrea Gallo (aggiornamento)

 

n.b. Il presente articolo sostituisce il presedente, recante lo sttesso titolo


Cineclub Arci Garbatella Roma


DE GALLO BELLICO

4 dicembre, ore 20, proiezione del film di G.F. Miglio

****

Il film “De Gallo Bellico “condensa in 40’ minuti la parabola di Don Gallo, conosciuto come  “ il prete di strada”. Ha dedicato l’intera vita all’aiuto degli ultimi, dei diseredati, degli sbandati, dei drogati e delle prostitute vessate dagli sfruttatori. Ha salvato decine e decine di vite, strappandole all’HIV, alla droga, all’alcol, alla solitudine. Impegnato politicamente  (è stato anche partigiano) ha sempre dimostrato libertà e autonomia di giudizio nei confronti di tutti, partecipando a tantissime manifestazioni a partire dal G8 di Genova. La sua “storia” è iniziata in una parrocchia di periferia (San Benedetto al Porto di Genova), dov’era stato “esiliato” dalla Chiesa Ufficiale genovese (a suo tempo guidata dal Cardinale Siri)  per via delle sue esternazioni pubbliche e delle omelie considerate “rivoluzionarie”, ma coerentemente critiche nei confronti dei privilegi, delle contraddizioni e degli scandali della sua Chiesa…

Il filmato, ovviamente dedicato alla memoria di Don Andrea Gallo (scomparso il 22 maggio 2013), non si affida a una scontata cronologia; né insegue un discorso pienamente lineare, anche perché smentirebbe la fama di “prete della sregolatezza”, di anarchico seppur angelico, la sua natura di provocatore, imprevedibile,un po’ burlone… ma anche serio nei momenti giusti, ligio alla sua Chiesa, severo ed esigente con i suoi ragazzi perché “sappiamo (com’è scritto all’ingresso della sua  Comunità) che  “il nostro progetto, quello  -dalla dipendenza alla pratica della libertà-  è bello ma difficile da raggiungere… ma è l’unica strada possibile”.

Gianfranco Miglio è nato e vive a Roma. Ha iniziato con lavori in pellicola per poi passare – obtorto collo – al digitale nel 2000. Tra i suoi film, “Grrr..” (tema l’arte murale e la rabbia giovanile) , “Raffiche di nero” (tema il razzismo in Italia  con il primo  l’omicidio di Jerry Masslo), “Il treno della memoria” (le stragi impunite in Italia, con Dario Fo e Franca Rame), “Ultimo treno” (la comunità di Don Gallo a Genova, com’era nel 1998)  “L’altro volto” (sul G8 del 2001 Genova), “A guardia del tempo” (sulla superstizione religiosa)“, “Asfalto blues “ (sull’arte di strada), “Orgosolo” (sui murales) inoltre film d’arte  come  “Basquiat”  “Solitude” (Museo Arte Cont.  MAXXI), “Rodin”  Tutti questi film hanno ottenuto riconoscimenti  in Italia e all’estero. Oltre ai  concorsi di settore, i film di Miglio sono stati proiettati in cineclub d’essai, in pubbliche piazze, in licei ed università, feste dell’Unità, presso Associazioni culturali come l’ARCI,  l’ANPI , la sala dei portuali di Genova (i “camalli”)

 

-Sede del Cineclub   via Pullino 1  Roma-Garbatella

Autore: admin

Condividi