Redazionale-Luigi Capuana e Mineo (a 100 anni dalla morte)- Dal 13 giugno “Spera di sole”, regia di M. Perrotta

 

Annivesrari


 

LUIGI CAPUANA E MINEO

 

“Spera di sole” diretto da Massimiliano Perrotta

In occasione del centenario della morte del grande scrittore verista  il Teatro Mediterraneo propone una delle sue commedie  – Interpreti: Orazio Alba, Alice Ferlito, Roberto Pensa, Santo Santonocito e Luana Toscano

****

Debutterà sabato 13 giugno 2015, alle ore 21.30 nella Piazza Buglio di Mineo, la commedia di Luigi Capuana “Spera di sole” con la regia di Massimiliano Perrotta. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Mediterraneo, è interpretato da Orazio Alba, Alice Ferlito, Roberto Pensa, Santo Santonocito e Luana Toscano. In scena anche Ersilia Balba, Patrick Calderone, Alessandro Manzoni e la compagnia Project Dance di Debora Sudano. Le musiche originali sono di Emanuele Senzacqua.

La commedia in due atti “Spera di sole” fu adattata per la scena dal grande scrittore di Mineo dall’omonima fiaba. Pubblicata nel 1893 a puntate sulla rivista per bambini “Cenerentola”, la commedia propone allo spettatore un mondo surreale e fiabesco in cui un re maldestro e la sua bisbetica moglie saranno costretti, da un malizioso mago, a far sposare il reuccio con l’umile figlia della fornaia. Uno spettacolo lieve e divertente per grandi e per piccini.

Sempre a Mineo in Piazza Buglio, domenica 14 giugno alle ore 21, Perrotta proporrà il recital “Briciole d’argento” con pagine di Giuseppe Bonaviri lette dagli attori Roberto Pensa e Chiara Condrò.

Per Anna Aloisi, Sindaco del Comune di Mineo, «Con i due eventi del 13 e 14 si vuole dare rilievo ai nostri illustri concittadini Bonaviri e Capuana, ricordando a proposito di quest’ultimo che quest’anno è in corso, con numerosi eventi, la ricorrenza dei 100 anno dalla morte». Per Maria Bellino, Vice Presidente del Consorzio Sol. Calatino, «Gli eventi rappresentano l’ennesima dimostrazione dell’impegno del sociale nella attività di sviluppo teatrale e nella promozione e diffusione della cultura».

Autore: admin

Condividi