Teatro Libero di Palermo- Rassegne, “Presente Futuro 2015” e “Carte Bianche”

 

Segnalazioni

 

Teatro Libero di Palermo

Rassegna della creazione contemporanea: “Presente Futuro 2015” E “Carte Blanche”.

Dalla Tunisia a Milano, passando per la Sicilia: la creazione contemporanea e la danza d’autore.


****

Giunge alla decima edizione la rassegna “Presente Futuro”, contenitore dinamico dedicato alla giovane scena contemporanea. Uno sguardo attento e curioso tra spettacoli, performance e un premio. Un appuntamento che, nel corso degli anni, ha presentato al pubblico palermitano diverse giovani compagnie italiane, con una particolare attenzione al panorama siciliano, soprattutto della nuova drammaturgia.

Dopo alcuni sconfinamenti nella performance con le due edizioni del premio ad essa dedicato (e la terza edizione che avrà luogo a settembre 2015, come anteprima della nuova stagione 2015/2016) ritorna la rassegna di spettacoli, che vedrà alternarsi sette compagnie per due sere ciascuno. Quest’anno alla rassegna si affiancherà un nuovo progetto, CARTE BLANCHE, che sarà dedicato ogni anno a una compagnia diversa, seguendo la tendenza futura di innervare la programmazione del Libero con progetti di residenza. Carte Blanche darà così l’opportunità di dare vita a un focus, nel corso di più sere, sulle poetiche della creazione contemporanea. La prima edizione di quest’anno è dedicata a FC.PIN@D’OC, l’etichetta produttiva che unisce la creazione coreografica di Giovanna Velardi e Giuseppe Muscarello. Dal 27 al 29 maggio la prima assoluta della creazione di Muscarello “Anima carnis in sanguine est”, ovvero “lo spirito dell’essere vivente è nel sangue”. Quattro donne “cadono” dentro i loro corpi, si relazionano in modo viscerale e ci narrano la vita, cercano di comunicare con il loro dio per poi accorgersi che Dio non ha un linguaggio così semplice quale è quello umano.  Dal 16 al 18 giugno, alle ore 21.15, “Carmen Duo” di Giovanna Velardi (in scena con Filippo Luna). Un attore e una danzatrice, un uomo e una donna, Don Jose e Carmen, divengono portatori in scena di due identità contrapposte: virile, forte e disperata quella di lui, vitale, sensuale e coraggiosa quella di lei. Si corteggiano, si amano, si possiedono, si abbandonano alla competizione dell’ego, della supremazia dell’uno sull’altro…

PRESENTE/FUTURO, invece, prenderà il via il 3 e 4 giugno alle ore 21.15, con uno sconfinamento territoriale extraeuropeo: la Tunisia del collettivo Corps Citoyen di Tunisi (in collaborazione con la Galleria Toledo di Napoli). “MOUVMA”, progetto curato e diretto dalla regista-performer Anna Serlenga di Milano, significa in dialetto tunisino movimento, movimento di corpi in strada che si fa movimento sociale. Mouvma s’interroga sulle “primavere” arabe, i tradimenti, le speranze e le analogie tra le generazioni europee, e quelle del maghreb, tra commistioni e sogni di prima e seconda generazione, un racconto tra gli eventi delle banlieu parigine del 2005 e quelli che 2011 hanno stravolto la Tunisia.

Il secondo appuntamento, il 5 e 6 giugno, è con il percorso sensoriale “RUSUD / Esperimento performativo sensoriale” del collettivo Babel Crew di Palermo, firmato da Giuseppe Provinzano. Una creazione cui si può accedere –  individuando una radice universale dell’essere umano – attraverso i sensi e la stimolazione fisica e mentale di un ricordo; un percorso sensoriale e performativo che indaga l’universalità legata alle radici della nostro Sud, caricandole di “roba viva”, di cultura contemporanea.

Il 9 e 10 giugno, DOUBLE BILL, il terzo appuntamento con la danza delle giovanissime coreografe/danzatrici siciliane, Federica Esposito e Giulia Montalbano della compagnia Fuora Dance Project, di base in Scozia e Irlanda. “Is to finish” e “The Last maiden”, le due coreografie che compongono “Double Bill”. la prima è ispirata alla figura di Molly Bloom dell’Ulysess di James Joyce, un flusso di coscienza inteso e fisico, dove si agisce in una sorta di cerchio magico. La seconda, The last Maiden, trae spunto dalla fiaba siciliana “le donne di fuora”, una leggenda tramandata dal Pitrè, che narra di sette fanciulle che arrivano al monastero di Santa Chiara di Palermo al tramonto.

Poi, l’ 11 e 12 giugno, sarà la volta del progetto “IL MURO DEL SILENZIO / I Capitolo”, una produzione Babel Crew/ Cantieri Teatrali Zabut di Palermo. Uno studio per una tragedia siciliana, tratto dal testo di Paolo Messina, per la drammaturgia e regia di Paolo Mannina. Un testo, prima opera letteraria sulla mafia, che si presta a diventare terreno per una ricerca capace di andare oltre il luogo comune della retorica televisiva dello spettacolo d’impegno “antimafia”.

Il 13 e 14 giugno, andrà in scena “BATTUAGE” di Joele Anastasi, della compagnia Vucciria Teatro, giovane compagnia di origini siciliane, che ha ottenuto un buon successo di critica e di pubblico (diversi premi nei fringe italiani e al fringe di New York). BATTUAGE è un viaggio aperto all’interno dell’animo umano, declinato nella sua più estrema e profonda oscurità, che riporta a galla un’autenticità taciuta e chiusa a pressione dentro un vaso ormai scoperchiato. Una compagnia giovane che riesce a raccontare in modo schietto e naturale certi temi legati al sesso e alla confusione di genere, attraverso una scrittura cruda e spregiudicata.

il 23 e 24 giugno, Phoebe Zeitgeist di Milano, propone “ADULTO”, un omaggio a Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante e Dario Bellezza, a firma di Giuseppe Isgrò, con l’attore palermitano Dario Muratore. Adulto è una ricerca sulla parte maledetta della crescita, quella che non matura, che non si dichiara, che non si esprime e che non si arresta: una energia sotterranea e magmatica, devastante quanto generatrice. Le parole che compongono questa contro oratoria sono un omaggio a Pier Paolo Pasolini, Elsa Morante e Dario Bellezza. Adulto è una dedica allo spirito che è capace di osare strumenti di conoscenza impervi e non convenienti…

Infine, l’ultimo appuntamento della rassegna, è con la drammaturgia di Maria Teresa Berardelli, nell’adattamento della regista romana Marianna Di Mauro della compagnia Nuove Officine, il 25 e 26 giugno, “CARA UTOPIA”, ci farà compiere un viaggio per la strada, una qualunque, dove conosceremo Pasqualina. Pasqualina ha settantacinque anni ed è di origini pugliesi, ma vive da tantissimi anni a Roma. E il viaggio con Pasqualina ci permetterà di conoscere un mondo, il suo mondo.

È già possibile effettuare prenotazioni, I biglietti vanno da €12 per la tariffa intera, €10 quella ridotta riservata agli under25 e a coloro che posseggono le carte sconto. Ed è attiva, inoltre, una promozione che consente di acquistare almeno 4 biglietti per 4 spettacoli a €5. Info allo 0916174040, www.teatroliberopalermo.it .

Autore: admin

Condividi