Fr. L. Ma.- Quanti fantasmi…(Eduardo di scena a Nicolosi con gli “Amici del Teatro”)

 

Segnalazioni Teatro

 

 

QUANTI FANTASMI….

Eduardo De Filippo

Eduardo di scena a Nicolosi (Ct) con gli “Amici del Teatro”

*****

Proseguono in tutta Italia le celebrazioni del 30° della morte di Eduardo De Filippo. A dar fuoco alle polveri (tra televisione, riproposizione di interviste, “lezioni di teatro”, commedie, ecc…) sono anche piccole ed agguerrite formazioni teatrali sostenute da una bruciante passione per la scena e che molto hanno contribuito a diffondere nel paese la conoscenza e l’amore per il teatro tra quel pubblico “popolare” tradizionalmente avulso dai palcoscenici più engagé. E’ il caso dell’ormai storica formazione “Amici del Teatro”, apprezzata Compagnia del Teatro Stabile di Nicolosi (paesino accucciato sotto l’iroso vulcano e considerato la “porta dell’Etna”) ed una delle punte di diamante della FITA che, per la regia di Nuccio Pappalardo (anche protagonista nei panni di Pasquale Lojacono) mette in scena il celeberrimo “Questi fantasmi” (1946). Nelle note di regia Pappalardo sottolinea l’intenzione di Eduardo d’infrangere la “quarta parete” per entrare in epidermico contatto con il pubblico: “La commedia – scrive – si fonda su due nuclei tematici: la difficile comunicazione tra gli uomini…e l’eterna fragilità dell’uomo proteso a credere che è vero ciò che desidera, affidandosi magari alla comprensione dei morti”. In tempi di crisi, come gli attuali, entrambe ancor più dolorosamente consolidatesi.

Questi fantasmi, commedia in tre atti di Eduardo De Filippo. Regia: Nuccio Pappalardo; costumi: Graziella Villardita; suono e luci: Giuseppe Caponnetto, Orazio e Daniela Caruso; assistente di palcoscenico: Roberta Cannella. Interpreti: Nuccio Pappalardo, Teresa Precopio, Salvo Di Giovanni, Maria Pulvirenti, Carmela Rizzo, Mariachiara Sognorello, Giovanni Messina, Agata Tarso, Stefano Mazzaglia, Pippo Grillo, Cristina Anfuso, Mimmo Maccarrone, Andrea Barbagallo.

Teatro del Centro Congressi di Nicolosi

Autore: admin

Condividi