Monica SCHIRRU- La Danza. “Plexus” di A.Bory e K.Ito. Con Karoi Ito (T.Brancaccio)

 

 

La   Danza


PLEXUS

Una creazione di Aurélien Bory per Kaori Ito

con Kaori Ito

ideazione, scenografia, direzione Aurélien Bory coreografia Kaori Ito musica di Joan Cambon  disegno luci Arno Veyrat

****

Creato a Losanna nel 2012, Plexus è il connubio artistico tra il regista e drammaturgo Aurélien Bory e la danzatrice coreografa Kaori It: uno spettacolo di intensa bellezza formale.

“ Concependo questo ritratto di Kaori Ito – spiega Aurélien Bory – ho usato i mezzi del palcoscenico, partendo dalla rete interna dei nervi e del corpo che può essere il nostro tallone d’Achille, per arrivare allo spazio esterno, per intrecciare una rete di corde e reminiscenze”.

Nella performance di apertura la danzatrice giapponese – che si muove sullo sfondo di un telo nero impalpabile e setoso –  strofina energicamente un microfono sul cuore, sul cranio, sul ventre, amplificando i suoni del proprio corpo e il ritmo delle pulsazioni cardiache, in un’interazione quasi intima con il pubblico. Attraverso una fessura verticale del telo, viene inghiottita in una grande struttura a forma di cubo, che contiene una enorme quantità di fili metallici. All’ interno di questo congegno geometrico – imponente e  claustrofobico – inizia la sua infaticabile esplorazione dello spazio, dando vita ad una coreografia surreale, in cui confluiscono arte circense, drammaturgia, musica, acrobazia e illusionismo.

Kaori Ito, dalla fisicità esile e forte al contempo, si dibatte in una danza che è slancio bloccato, movimento sospeso, pura tensione fisica e plastica, che trasforma la “gabbia”  in una scultura vivente.

Molto suggestivo l’uso delle luci di  e in generale la gestione dello spazio scenico.

Kaori Ito nasce a Tokyo da genitori scultori. Ha un profilo artistico multiplo: danzatrice, coreografa, attrice, actor coach e videoasta. Dai 5 anni fino all’adolescenza studia danza classica e a sedici anni parte per Londra dove si forma nei linguaggi della danza contemporanea, per  perfezionarsi nel 2000 a New York. Ritorna a Tokyo e tre anni dopo consegue una laurea in sociologia e ottiene un contratto con il coreografo Philippe Decouflé per lo spettacolo Iris.  Negli ultimi anni ha collaborato con i più rappresentativi creatori della scena contemporanea: Sidi Larbi Cherkaoui, Gui Cassiers, Alain Platel, Angelin Preljocaj, che le hanno attribuito ruoli principali nelle loro creazioni.

 

-dal 27 al 30 novembre lo spettacolo sarà in scena al Teatro Brancaccio di Roma

Autore: admin

Condividi