Norma RANGERI* – Notte Italiana. La vittoria di Pirro (le opposizioni si recano al Quirinale…invano)

 

 

Notte Italiana*

 


LA VITTORIA DI PIRRO

Decidere di troncare il dibattito sulla più profonda trasformazione dell’assetto costituzionale mai realizzata dal dopoguerra è, per Renzi, il segno di una vittoria di Pirro. E Napolitano che non riceve le opposizioni al Quirinale, è ancora il rappresentante di tutti gli italiani?

****

In un regime parlamentare, l’ultima carta di una demo­cra­zia è l’ostruzionismo e la sto­ria della nostra repubblica è ricca di pagine che raccontano  personaggi e interpreti del filibustering nei momenti di maggior contrasto politico.

Con i nuovi regolamenti oggi è molto più dif­fi­cile pra­ti­carlo, ma deci­dere di tron­care il dibat­tito sulla più pro­fonda trasformazione dell’assetto costituzionale mai rea­liz­zata dal dopo­guerra, sce­gliendo un rigido contingentamento  dei tempi per­ché l’8 di ago­sto il pre­si­dente del con­si­glio deve por­tare a palazzo Chigi il bot­tino di guerra è, innan­zi­tutto per lui, il segno di una vit­to­ria di Pirro.

Chi vuole vin­cere senza con­vin­cere, chi mostra i muscoli per nascon­dere la con­fu­sione, in realtà rivela la propria debolezza. Non si pos­sono appro­vare riforme cru­ciali senza il neces­sa­rio, fati­coso, eser­ci­zio del compromesso e della media­zione politica…

Se ancora c’era qual­che dub­bio sulla natura post-democratica del lea­der che ci governa, da ieri sarà più difficile sostenerlo. E del resto que­ste pes­sime riforme costi­tu­zio­nali per come erano ori­gi­nate, appunto da un’iniziativa legi­sla­tiva del governo anzi­ché del par­la­mento, non pote­vano che precipitare in una esautorazione del par­la­mento stesso.

Con il soste­gno e l’approvazione del Pre­si­dente della Repub­blica che così espone l’alta carica che rap­pre­senta al ruolo di gio­ca­tore anzi­ché di arbi­tro. Il Capo dello Stato non ha neppure ricevuto personalmente la delegazione di deputati e senatori che ieri sera, in cor­teo, si è recata al Quirinale per rappresentargli  la contrarietà verso una deci­sione sconcertante.

Napo­li­tano è ancora il rappresentante di tutti gli italiani? (*ilmanifesto.it)

Autore: admin

Condividi