Teatro dei Conciatori, Roma- Sino al 2 luglio,”Pinocchia” di S.Benni.Regia di Monica Manzo

 

 

Cartellone estivo


 

TEATRO DEI CONCIATORI

Contemporary Urban Theatre

 

presenta

PINOCCHIA

di Stefano Benni

regia: Monia Manzo. Con Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio   Scenografia: Fabio Calascibetta

****

Sarà in scena al Teatro dei Conciatori il 30 giugno e l’ 1 e 2 luglio 2014 – ore 21:00 lospettacolo PINOCCHIA di Stefano Benni, regia: Monia Manzo; con Monia Manzo, Gioia Cellentani, Lorena Tuveri, Paolo Cordiviola, Nadia Clivio.

Le opere di Stefano Benni sono sempre state una pietra miliare nella letteratura contemporanea italiana: il suo stile e le sue storie sono una commistione vincente tra cruda realtà e un onirico mondo parallelo composto da immaginari esseri zoomorfi.

In particolare in Pinocchia lo scontro di opposti inconciliabili rappresenta una costante: i disvalori hanno

inevitabilmente la meglio sugli elementi socialmente e umanamente costruttivi – così la falsità sulla verità, l’opportunismo sulla lealtà, il sogno irrealizzabile sulla realtà immutabile.

In questo scenario, Pinocchia si inserisce come una pièce che da vita ad una donna/figlia/marionetta, dalla cui  potenza evocativa sono stata immediatamente folgorata. Questa “robottina” incarna gli innumerevoli e confusi ruoli che una donna moderna spesso rappresenta con cinica consapevolezza, mentre in altri casi senza nessuna coscienza o possibilità di poter scegliere la propria vita, a causa di un diffuso disagio per lo più di origine socio-culturale.

Veline, femme fatale, giovanissime amanti/figlie sono ormai i prototipi contemporanei da dover adottare, indispensabili per molte, troppe donne giovani o meno giovani che vogliono ottenere la benevolenza di uomini sempre più accentratori e maschilisti.

Nella pièce troviamo i personaggi collodiani rivisitati da Benni in maniera esilarante e con una vena di sottile cinismo che non guasta. Il gatto e la volpe diventano così due impresari mascalzoni,la fatina si trasforma in una benevola maîtresse che inizia le ragazze all’arte della seduzione e il grillo parlante ci viene riconsegnato nelle vesti di un tuttologo dei nostri tempi. E come non essere poi affascinati dal linguaggio del testo, frutto di musicalità e sperimentali esercizi di stile?

In questo virtuosismo linguistico si cela il pensiero veloce e allusivo di uno scrittore che precorrendo i tempi non finisce mai non solo di stupirci ma soprattutto di incantarci.

****

Teatro dei Conciatori- Contemporary Urban Theatre   Via dei conciatori, 5 – 00154 Roma    Tel. 06.45448982 – 06.45470031   – info@teatrodeiconciatori.it Direzione Artistica: Antonio Serrano – Gianna Paola Scaffidi.

-Ufficio Stampa a cura di Maya Amenduni

Autore: admin

Condividi