Valdagno- Storia delle cooperative sociali (presentazione)

 

 

Segnalazioni  



LA STORIA DELLE COOPERATIVE SOCIALI DI VALDAGNO

IN UN PERCORSO ITINERANTE RADIOGUIDATO

Il progetto realizzato da Carlo Presotto, Matteo Balbo e Paola Rossi in collaborazione con la Parrocchia di Ponte dei Nori

****

Mario Rigoni Stern raccontava che gli alberi, quando hanno radici profonde, non temono i momenti difficili perché sanno dove trovare la forza per affrontarli. Sarà proprio dedicato alle radici, alla necessità di creare un terreno fertile per accogliere una pianta e farla crescere, il primo dei cinque capitoli in cui è diviso “Intrecci Solidali” lo spettacolo che La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione in collaborazione con la Parrocchia di Ponte dei Nori metterà in scena domenica 25 maggio (ore 16 e 17) nell’ambito del Festival Biblico, per raccontare la storia delle cooperative sociali di Valdagno. Il ritrovo è nel piazzale della chiesa di Ponte dei Nori (Piazza Giovanni XXIII, Valdagno).

Uno spettacolo senza attori ma con molte azioni, in cui il pubblico indosserà delle radioguide e verrà accompagnato dalle voci raccolte durante alcuni mesi di interviste ad assistere alla cura di una pianta, ad attraversare in modo inconsueto una piazza, ad assaggiare, ridere, stupirsi, giocare. Perché la realtà delle cooperative sociali, che mettono al centro del loro lavoro la cura delle relazioni tra le persone, è una realtà lavorativa che ci circonda e ci accompagna, ma che spesso rimane invisibile, sotto la superficie. È per questo che Carlo Presotto, Matteo Balbo e Paola Rossi sono entrati nelle cooperative Canalete, Primula, Il Cerchio, Intreccio, Itaca e Studio Progetto, per per scovare queste storie, comporle tra di loro e creare un racconto poetico che parla al presente di ognuno di noi.

Una storia che racconta le nostre radici, le diverse velocità con cui scorre il tempo della vita, l’importanza dei piccoli gesti quotidiani, la bellezza della cura delle piante e delle api, per concludersi con una grande metafora sulla tessitura e sull’intreccio. Quarant’anni di storia di Valdagno, ma soprattutto un’apertura sul futuro, con una grande fiducia nella capacità delle persone di intrecciare le proprie storie, di far diventare la solidarietà una condizione naturale, quotidiana, non un’eccezione da riservare a momenti speciali.

Autore: admin

Condividi