Le voci dell’inchiestaCinemazero- A Pordenone, una rassegna cinematografica (sino al 13 aprile)

 

 

Rassegne*

Pordenone- Cinemazero

programma2014cover

****

L’8° edizione del festival  ’Le voci dell’ inchiesta’ organizzato da Cinemazero, con l’Università degli studi di Udine, dedicato all’inchiesta e al documentario d’indagine, torna a Pordenone dal 9 al 13 aprile. Le espressioni d’inchiesta del passato si intrecciano con i percorsi del presente attraverso omaggi a grandi maestri del giornalismo affiancati alle tematiche di più stretta attualità; premiazioni dei documentari italiani e internazionaliprotagonisti del cinema, della televisione e della radio, incontri, workshop, tavole rotonde e un fitto palinsesto di proiezioni, tra tesori d’archivio e novità internazionali. Con oltre quaranta ospiti italiani e stranieri e una trentina di opere selezionate nei più importanti festival cinematografici del mondo (metà delle quali in anteprima nazionale e sottotitolate per l’occasione). Diretto da Marco Rossitti, affiancato dal coordinamento di Riccardo Costantini, il festival sarà l’occasione per una full immersion in questo mondo spesso sotterraneo, perchè molte volte censurato.

L’anniversario della Televisione diverrà occasione per omaggiare, il 9 aprile, nell’ottantesimo anniversario della nascita di Andrea Barbato (1934-1996), l’uomo politico, lo scrittore, l’autore televisivo e teatrale, lo sceneggiatore e il cronista. Un incontro/ricordo condotto da Walter Veltroni, a cui parteciperanno anche la moglie di Barbato, Ivana Monti Barbato, il figlio Nicola, l’amico e collega Furio Colombo, assieme a Olivero Beha e Beppe Giulietti. Mettendo a confronto interviste di ieri e documentari di oggi, commentati dal vivo e integrati dai ricordi e dalle testimonianze degli amici e dei collaboratori più fidati, sarà possibile anche ripercorrere la lezione umana e civile di Adriano Olivetti (1901-1960), sfogliando nuovamente le pagine di quell’agenda ideale che aveva programmato.

Ulteriore, ineludibile ricorrenza quella dei vent’anni dalla morte della giornalista del TG3 Ilaria Alpi, uccisa il 20 marzo 1994 a Mogadiscio in Somalia, assieme al cameraman triestino Miran Hrovatin, col quale stava realizzando un’inchiesta sul traffico di armi e rifiuti tossici.(*Articolo21)

Autore: admin

Condividi