Stefano CORRADINO*- Il corsivo. Prima regola, nella satira niente regole


Il corsivo*



PRIMA REGOLA

virginia-raffaele-638x425

Nella satira, niente regole

****

“Mi permetto di chiedere se si ritenga opportuna l’imitazione della Boschi e che un ministro giovane che finora ha dimostrato preparazione e capacità, sia ritratta come una scaltra ammaliatrice che conta solo sul suo essere affascinante”. “Quando Crozza trascende nell’insulto e nella diffamazione, allora vuol dire che cerca la querela. Penso proprio che da me l’avrà, insieme ad una bella richiesta di risarcimento danni. Ho già telefonato ai miei legali perché procedano in questa direzione”.
Sono le due recenti dichiarazioni, di esponenti politici di segno

“Mi permetto di chiedere se si ritenga opportuna l’imitazione della Boschi e che un ministro giovane che finora ha dimostrato preparazione e capacità, sia ritratta come una scaltra ammaliatrice che conta solo sul suo essere affascinante”. “Quando Crozza trascende nell’insulto e nella diffamazione, allora vuol dire che cerca la querela. Penso proprio che da me l’avrà, insieme ad una bella richiesta di risarcimento danni. Ho già telefonato ai miei legali perché procedano in questa direzione”. Sono le due recenti dichiarazioni, di esponenti politici di segno opposto che contestano gli sketch, peraltro di assolutà qualità, di Virginia Raffaele (nella foto)  e Maurizio Crozza. Prima di loro una lunga lista di ministri, deputati e senatori è stata oggetto di satira. Uomini e donne. D’Alema, Rutelli, Gasparri, Carfagna, Gelmini, Meloni… Oggi Maria Elena Boschi e Roberto Formigoni.

Abbiamo sempre contrastato gli editti e le liste di proscrizione che in passato volevano chiudere la bocca a comici e giornalisti. Non ci piacevano e non ci piacciono oggi, indipendentemente dal colore politico dei soggetti imitati e di chi si scaglia contro la satira. Perché la satira è da sempre la più formidabile ed esilarante arma contro il potere. Da Aristofane a Orazio, da Petrolini a Trilussa. “Prima regola: nella satira non ci sono regole” scrive Dario Fo. Nessuna censura, nessun codice di regolamentazione. La satira è libera e illiberali rischiano di essere coloro che vogliono ingabbiarla (*articolo21.org)

Autore: admin

Condividi