Franco LA MAGNA- Cinema Recensioni brevi (“Dallas”, “I segreti…”,”Vijai”)

 

 

 

Cinema Recensioni brevi

 

 

TRE FILM RECENTI

“Dallas…”, “I segreti di Osange County”, “Vijai”

****

 

Dallas Buyers Club (2014) di Jean Marc Vallée

 

La malattia mortale (virus HIV) che… guarisce dall’omofobia e da un machismo spocchioso, urticante, incarnato nel violento e duro texano Ron (un artatamente scheletrito e formidabile Matthew McConaughey, che per girare questo film ha perso oltre 20 chili). Elettricista frequentatore di rodei, l’intrattabile Ron dopo il primo irrazionale impulso di rifiuto della malattia (gli vengono dati appena 30 giorni di vita), ingaggia una lotta personale contro i metodi “ufficiali” di cura adottati dagli ospedali e dalle potenti case farmaceutiche e con farmaci importati dal Messico (con cui aiuta centinaia di altri malati) riesce a sopravvivere altri sette anni, mettendo su insieme ad un transessuale sieropositivo (prima odiato) una sorta di “commercio etico”. Da un copione “carbonaro” che girava da circa vent’anni negli studios hollywoodiani, il canadese Vallèe ha tratto un film di rara intensità, umanissimo e al contempo colmo d’ira, tracciando il percorso esistenziale d’un radicale cambiamento di vita, ma scoprendo altresì le aporie e le contraddizioni del sistema sanitario USA (e non soltanto) nello scontro con una tenacissima individualità, decisa a condurre fino in fondo uno scontro “epico” senza esclusione di colpi, retto da una pervicace volontà di sopravvivenza.                                          Interpreti: Matthew McConaughey (in corsa per l’Oscar)- Jared LetoJennifer GarnerDallas Roberts Steve ZahnKevin RankinJeanine HillJuliet ReevesDenis O’HareSteffie Grote.

****

I segreti di Osage County (2013) di John Velles.

Incesti, tradimenti, rancori a lungo rattenuti ed improvvisamente deflagrati con conseguenze rovinose. Si potrebbe dire non c’è niente di nuovo alla luce del sole, come cantavano “I camaleonti” al Cantagiro del 1967. Tratto da una osannata pièce teatrale di Tracy Letts (Premio Pulitzer), “I segreti di Osage County” è una dark comedy imbastita intorno alla riunione luttuosa d’una famiglia dell’Oklaoma (contea di Osage), che soprattutto durante il pranzo post funerale del patriarca (un poeta alcolizzato probabilmente suicidatosi) scopre impietosamente quanto di marcio, di anaffettivo e di rugginosa acredine grava su i suoi componenti (quasi tutte donne), tutti incamminatisi lungo strade diverse. Melodramma “consueto” (innumerevoli i grandi testi teatrali americani sugli psicodrammi familiari), retto solidamente soprattutto dallo scontro virulento tra l’anziana vedova Violet (l’inarrivabile Meryl Streep) e la figlia maggiore Barbara (Julia Roberts, in odor di Oscar stranamente come “miglio attrice non protagonista”). Un film “attoriale”, non c’è una sola pedina sbagliata in tutto il cast, vera e forse unica ragione per cui vale la pena di spendere due ore (e il prezzo del biglietto).                                                                                                                      Interpreti: Benedict CumberbatchAbigail BreslinEwan McGregorJulia Roberts (candidata all’Oscar come “miglior attrice non protagonista”) – Meryl Streep (candidata all’Oscar come “miglior attrice protagonista) – Juliette LewisDermot MulroneyMargo MartindaleSam ShepardJulianne NicholsonChris CooperMisty Upham.

****

Vijay-Il mio amico indiano (2013) di Sam Garbaski

Incipit pirandelliano (“Il fu Mattia Pascal”) per l’ultimo film di Garbascki (“Irina Palm”) con sviluppo surreale e chiusura non difficilmente prevedibile. Chi ha detto che marito e moglie, esausti dello stanco menage matrimoniale, non possano tornare a riattizzare sensi e affetti? Il trucco sta nel cambiare aspetto, personalità e perfino nazionalità (non è roba da niente). Ci riesce, però, l’attore quarantenne Will Wilder (divenuto famoso vestendo, controvoglia, i panni d’un coniglio sfortunato in una trasmissione televisiva per piccini), creduto morto in un incidente automobilistico e riapparso ai suoi funerali “rinato” come indiano (metempsicosi a parte). Riconosciuto solo dalla sagace figlia adolescente, Will torna ad innamorarsi (ricambiato) anche dall’ancora più che piacente consorte, che alla fine porrà – per il prosieguo del rapporto – una condizione capestro. Tocco leggero per una commedia molto british, gradevole, da gustare senza troppo pensare all’attendibilità e all’originalità della storia (il cinema è saturo di travestimenti ). Le coppie in crisi ne traggano spunto. Chissà…                  Interpreti: Moritz BeeibtreuPatricia ArquetteDanny PudiJames Michael ImperioliCatherine MissalJeannie BerlinMoni MoshonovHanna SchygullaMichael GwisdekJoel BrodyAntonia Dauphin.

Autore: admin

Condividi