Valentino PARLATO- Nuovo totalitarismo. Spinelli ed il pensiero economico (nel manifesto di Ventotene)

 

Nuovo Totalitarismo*

 

ALTIERO SPINELLI E IL PENSIERO ECONOMICO

altiero-spinelli_zoom

Nell’ottica di un’equa pacificazione post bellica (nel manifesto di Ventotene)

****

«Si è così assi­cu­rata l’esistenza del ceto asso­lu­ta­mente paras­si­ta­rio dei pro­prie­tari ter­rieri assen­tei­sti, e dei red­di­tieri che con­tri­bui­scono alla pro­du­zione sociale solo col tagliare le cedole dei loro titoli, dei ceti mono­po­li­stici e delle società a catena che sfrut­tano i con­su­ma­tori e fanno vola­tiz­zare i denari dei pic­coli rispar­mia­tori, dei plu­to­crati, che, nasco­sti die­tro alle quinte, tirano i fili degli uomini poli­tici (…). Sono con­ser­vate le colos­sali for­tune dei pochi e la mise­ria delle grandi masse (…). È sal­vato, nelle sue linee sostan­ziali, un regime eco­no­mico in cui le risorse mate­riali e le forze del lavoro, che dovreb­bero essere rivolte a sod­di­sfare i biso­gni fon­da­men­tali per lo svi­luppo delle ener­gie vitali umane, ven­gono invece indi­riz­zate alla sod­di­sfa­zione dei desi­deri più futili di coloro che sono in grado di pagare i prezzi più alti; un regime eco­no­mico in cui, col diritto di suc­ces­sione, la potenza del denaro si per­pe­tua nello stesso ceto, tra­sfor­man­dosi in un privilegio».

Il Mani­fe­sto di Ven­to­tene, di Altiero Spi­nelli e Erne­sto Rossi, testo del 29 ago­sto 1943, cap.1.
Nel pieno della guerra mon­diale, gli anti­fa­sci­sti al con­fino di Ven­to­tene guar­da­vano in que­sto modo alle poli­ti­che eco­no­mi­che dei regimi tota­li­tari. Il potere della finanza, le disu­gua­glianze estreme, lo svi­luppo distorto, i pri­vi­legi dei ric­chi li ritro­viamo oggi nell’Europa del neo­li­be­ri­smo. L’ideologia del mer­cato è diven­tata il nuovo tota­li­ta­ri­smo. Non era que­sta l’integrazione euro­pea sognata allora.(*ilmanifesto)

Autore: admin

Condividi