Francesco NICOLOSI FAZIO- Silvio, Matteo e la Costituzione (come dentro un film)

 

 

Comica finale?

 

SILVIO MATTEO E LA COSTITUZIONE

TotoPeppino1956WP.jpg

Come dentro un film

****

In altre occasioni brillante, Brunetta paragonò Checco Zalone a Berlusconi. L’attore prese sapidamente le distanze, dicendo: “Troppo onore, io faccio ridere solo in Italia!” Per “par condicio” ci aspettiamo che Del Rio paragonerà l’attore a Renzi. Per seguire le orme “paterne” del vero mentore renziano.

Ci è mancata la foto di Silvio che varca il portone del “Nazareno”, la sede P.D. che si caratterizza per un anomalo ed enorme  pilastro all’ingresso, che costringe gli iscritti a dividersi, in destra e sinistra e forse più. Speriamo che il “terremoto” Renzi non faccia emergere anche questa anomalia del PD (il pilastro in cemento armato dentro un palazzo settecentesco). Ma temiamo il crollo.

Sembra di vedere un film. Del genere “Scary movie”, un comic-horror: assistente stregone resuscita il maestro e insieme conquistano il mondo, politico italiano. Due uomini di spettacolo sono pronti, in realtà, a disintegrare il governo ed il PD. Forse un giorno non gliene saremo mai abbastanza grati. Ma oggi non possiamo far altro che ridere, nell’orrore. Quello che non capiamo è se Renzi lo ha capito. Berlusconi, invece, non crede ai suoi occhi e chiede costantemente pizzicotti alla Pascale, per essere sicuro che non è un sogno. Per Silvio è la cosa più bella che gli è capitata negli ultimi anni, dopo l’amore, di Dudù.

Ma il meglio è ancora a venire. Il magnifico duo si è ripromesso di riscrivere la Costituzione. Ecco che gli attori cambiano genere, dal comic-horror alla più casereccia commedia italiana. Immaginare Matteo e Silvio che insieme scrivono la nuova costituzione, porta ad un illustre precedente, il riferimento culturale à al cinema di Camillo Mastrocinque: Totò che detta a Peppino la celeberrima lettera (Totò, Peppino e la Malafemmina). Certamente i due poi andranno insieme da Putin, ovviamente abbigliati con enormi colbacchi e pesantissime pellicce. Non garantiamo l’incontro con il “ghisa”.

Prima di cambiarla, la Costituzione, consigliamo ai due di leggerla. Se lo faranno ed avranno l’onestà di capirla, cercheranno di attuarla, in quanto il vero problema politico-istituzionale italiano è determinato dalla mancata applicazione della Carta Costituzionale, se non dal suo voluto tradimento. E’ una lettura che consigliamo a tutti, in quanto, oltre ad un perfetto e limpido italiano, contiene, in modo equilibrato e leale, la soluzione di ogni tematica ancor oggi fintamente irrisolta.

La nostra Carta manca forse di un solo articolo, che vorremmo così sintetizzato: “Al governo vadano solo persone oneste

Ma sono temi di un ancor altro genere cinematografico: Fantascienza.

****

P.S    Molto più seri e concreti  provvedimenti si stanno prendendo oltretevere. Una dolce rivoluzione è portata avanti da Papa Francesco. Anche noi laici siamo piacevolmente sorpresi.

Ci piace addirittura immaginare che Garibaldi, che dal Gianicolo guarda con sfida il cupolone, possa tra qualche mese mutare il suo sguardo in vera e propria ammirazione.

Autore: admin

Condividi