Teatro Brancati di Catania. Dal 17 dicembre, “Doppio legame” di Regoli e Zinna

 

 

Cartellone


DOPPIO LEGAME

Al Teatro Brancati di Catania

 

****


Martedì 17 e mercoledì 18 dicembre, ore 21 al Teatro Vitaliano Brancati di Catania andrà in scena per la rassegna NUOVI PERCORSI “DOPPIO LEGAME” di Maria Piera Regoli e Salvatore Zinna interpretato da Salvatore Zinna per la regia Federico Magnano San Lio.

Una testimonianza sorprendente costruita sui verbali del maxiprocesso alla mafia istruito nel 1986 da Giovanni Falcone. Di questo si narra in “DOPPIO LEGAME” di Salvatore Zinna che sarà a Catania, al Teatro Vitaliano Brancati, il 17 e 18 dicembre (ore 21).

Lo spettacolo ha vinto il premio Oltreparola nel 2006 e il contest di corti teatrali del Teatro Lo Spazio nel 2011.

DOPPIO LEGAME” narra la storia tragicomica di Enzuccio, pentito privo di credibilità e uomo che non conta nulla; piccolo, diseredato, brutto, cattivo, che rappresenta la sua paradossale ricerca di giustizia e dignità in un mondo dove “essere qualcuno equivale a essere mentre essere nessuno equivale a non essere”.

art

Per permettere al fratello di pagare i debiti di un commercio di acciughe andato male,Enzuccio organizza una rapina al bar della sorella di un mafioso infilandosi in una spirale inarrestabile di conseguenze senza vie di fuga, come la scena in cui si svolge lo spettacolo: senza quarta parete, con un’unica uscita che per Enzuccio è solo e soltanto la platea. La sua unica possibilità di salvezza è la credibilità di ciò che dice e fa in scena. Elegge gli spettatori a esclusivi detentori del potere sulla sua vita e sulla sua morte.

Si genera una sorta di cortocircuito tra performance e fiction: un tentativo disperato del performer di intrappolare il pubblico in una relazione emotiva forte e molto disturbata, la stessa che il personaggio si trova a vivere con i suoi ex sodali di cosa nostra. Un “doublebind“, un “doppio vincolo“, un “doppio legame” (il concetto noto in psicologia per l’elaborazione che ne fatto l’antropologo Gregory Bateson).

 

Un’incoerenza nella comunicazione in cui il contenuto verbale del discorso esplicito è contraddetto dallemodalità con cui è espresso. Un dilemma insolubile in cui sia impossibile per il ricevente del messaggio decidere a quale dei due livelli prestare fede.

 

 

*Ufficio Stampa a cura di Claudia Catalano

Autore: admin

Condividi