Domenico TRISCHITTA- Nel più alto dei cieli (“L’alba del terzo millennio”, Sala Chaplin di Catania)

 

 

 

 

La sera della prima


 

NEL PIU ALTO DEI CIELI

L’alba del terzo millennio” di De Silva alla Sala Chaplin di Catania

 

****


Mi capita raramente di assistere a uno spettacolo che trascende il mezzo teatrale e diventa poetico, struggente. E’ l’unico compito dell’arte, quello di emozionare. Il testo è di Pietro De Silva, la regia di Federico Magnano San Lio e gli attori due esponenti del teatro catanese, Emanuele Puglia e Cosimo Coltraro.

Diversi per temperamento e formazione, per personalità e carattere, eppure si integrano perfettamente a raccontare il dramma della vita umana, un macrostrato comico che cela la tragedia. Due uomini che dovranno interpretare i due ladroni in croce per una processione di paese della Passione di Cristo vengono abbandonati in solitudine, perché la popolazione è impegnata a seguire il derby locale di calcio. Inizia con cautela la conoscenza, due mondi lontani: un semplice vinaio e un maestro elementare.

Da lì basta poco a passare alla confessione reciproca, al racconto del loro passato, dei loro fallimenti. Uno con la tracotanza schietta del povero di spirito, l’altro con il falso mimetismo nell’interpretare il ruolo sociale che ricopre: l’allievo e il maestro appunto. Le figure gradualmente si invertiranno, il racconto del povero “Cristo” diventerà parabola di saggezza per il maestro, che perderà le difese e diventerà vulnerabile. Alla fine il Cristo mancante sarà il maestro ladrone che invocherà in solitudine il padre Dio, rivolgendosi al vinaio che ha esaurito il suo compito, ha ultimato la sua missione e non risponde più.

Il valore aggiunto di questa messinscena catanese, curata con elegante minimalismo da Federico Magnano San Lio, sta nella forza attoriale dei due protagonisti: Emanuele Puglia, con la sua eleganza stilistica commovente, e Cosimo Coltraro, animale verace da palcoscenico, degno erede della filosofia di strada martogliana, una sorta di incrocio tra Angelo Musco e il grande puparo Nino Insanguine.

Autore: admin

Condividi