Teatro di Rifredi- Dall’11 ottobre, di scena, Pupi e Prassede


 

 

Cartellone


TEATRO DI RIFREDI

Con Serra Ylmaz

*****

Firenze 9 ottobre 2013 TEATRO DI RIFREDI INAUGURAZIONE STAGIONE TEATRALE 2013/14 venerdì 11 e replica straordinaria sabato 12 ottobre Il piacere della lettura Pupi e Fresedde-Teatro di Rifredi-Teatro Stabile di Innovazione Serra Yilmaz HOTEL BOSFORO lettura in scena a cura di Angelo Savelli dal romanzo giallo di Esmahan Aykol e con Monica Bauco, Andrea Bruno Savelli, Elena D’Anna, Lorenzo Degl’Innocenti, Francesco Franzosi, Massimo Grigò, Diletta Oculisti, Leonardo Paoli, Nicola Pecci, Marzia Risaliti elementi scenici Michele Ricciarini Al via la stagione teatrale 2013/14 del Teatro di Rifredi, la ventottesima sotto la direzione artistica di Pupi e Fresedde, venerdì 11 ottobre, e replica straordinaria sabato 12, con Serra Yilmaz, l’amatissima attrice turca, ormai fiorentina d’adozione, impegnata nella lettura in scena, a cura di Angelo Savelli, del primo romanzo giallo di una serie scritta da Esmahan Aykol, scrittrice turca che vive tra Istanbul e Berlino.

La protagonista è Kati Hirschel una tedesca che ha vissuto a Istanbul circa metà della sua vita, e che sostituisce la classica figura del commissario che indaga su un delitto. D’altra parte, Kati pensa di avere qualche diritto per farlo, perché la sua passione per i libri gialli l’ha condotta ad aprire una libreria specializzata nel settore. Insomma: Kati è una libraia lettrice che indaga. Certo, sul come condurre un’indagine la nostra libraia ha le idee un po’ confuse, soprattutto quando si trova a che fare con boss mafiosi di varia stazza e commissari di polizia più interessati a saltarle addosso che a dar la caccia ai colpevoli, ma conosce bene l’ambiente, è volonterosa, sveglia e – soprattutto – ha parecchia fortuna, per cui, alla fine tutti i particolari si incastreranno con bel garbo al posto giusto. L’autrice si diverte a prendere in giro il modo di pensare di turchi e tedeschi, entrambi vittime di pregiudizi, luoghi comuni e stereotipi, in un romanzo che confronta con disinvoltura le abitudini di due diverse culture e che mescola il giallo con il nero e il rosa.

Esmahan Aykol, nata nel 1970 a Edirne, in Turchia, vive tra Berlino e Istanbul. Durante gli studi universitari in giurisprudenza ha lavorato come giornalista per radio e giornali turchi. Oggi, dopo una parentesi come barista, si dedica completamente alla scrittura. Hotel Bosforo è stato tradotto da Emanuela Cervini e pubblicato da Sellerio.

Autore: admin

Condividi