Agata MOTTA- L’arte della performace (due affollate sere a Palermo)

.

 

 

Teatro Libero

L’ARTE DELLA PERFORMANCE

Due affollate serate a Palermo


E’ stata attribuita ad “Incerticorpi” del Teatro dei Venti di Modena la vittoria della seconda edizione del premio “Presente -fututo 2013” – Performance Art, tenutasi al Teatro Libero che ne è stato artefice e promotore.  Il lavoro, cui è andata la somma di 1.000 €, è interpretato da un’ottima Francesca Figini che mette in scena le nevrosi di una donna ossessionata dal passaggio del tempo in un universo plastificato che glorifica la mistica contemporanea dell’apparenza. La regia di Stefano Tè, attenta e meticolosa, punta sulla relazione tra musica e transizioni fisiche e vocali dell’attrice, riuscendo “ in modo personale ed efficace ad armonizzare i differenti linguaggi del gesto, della parola e dell’immagine”. La giuria – composta dalla direzione del Teatro, da alcuni giornalisti della città, da Leszek Mądzik, direttore Scena Plastyczna KUL di Lublin e da una selezione di pubblico del Libero, presieduta dal prof. Guido di Palma dell’Università “La Sapienza” di Roma – ha inoltre segnalato la performance “O_NO_MA linguaggi suggestivi per una bestia”, di Francesca Talozzi, con Alessia Cespuglio, (maschera di Isabella Staino, video-interazioni di Michele Fiaschi, composizione sonora di Tiziano Rosselli) della Compagnia Effetto Collaterale di Livorno, ispirata dal poemetto “Il Conte di Kevenhüller” di Giorgio Caproni, per “l’uso sobrio ed efficace delle tecnologie digitali al servizio della parola”.

Durante le due affollate serate dedicate al Premio, oltre alle due performance già menzionate, se ne sono alternate altre otto della durata massima di quindici minuti: “Equivoco vs Freud” della Compagnia Arearea di Udine con un progetto di Mara Bevilacqua; “Corpo Gemmante” della Compagnia Immaginazione di Palermo, “Tra acqua e treni” Municipale Teatro di Torino, “Simulacre” della Compagnia d’Amò Contemporary Dance di Roma, “Cool Memories” della Kathleen Delaney Dance di Amsterdam, “Ipertensione d’amore” del Teatro dell’Assurdo/Improvvisazione Palermo, ”Play me” di Claudia di Gangi di Palermo e “Light on and off” di Andrea Mineo di Palermo.

Il terzo e ultimo appuntamento  dell’anteprima vedrà “Alkestis”, drammaturgia di Manlio Marinelli a partire dall’omonimo mito e regia di Lia Chiappara. In scena Giorgia Coco, Matteo Contino, Francesco Gulizzi, Luca Iervolino, Viviana Lombardo, Rosario Sparno ed Enrica Volponi;  musiche di Ruggero Mascellino.

Autore: admin

Condividi