Teatro di Roma Teatro Argentina- La notte della poesia (20 maggio)

 

 

Teatro di Roma Teatro Argentina

LA NOTTE DELLA POESIA

I grandi poeti del Novecento raccontati, messi in scena e cantati

da protagonisti del panorama culturale italiano

****

Gabriele Lavia, Peppe Servillo, Nicoletta Braschi

ed ancora Silvia Bre, Patrizia Cavalli, Elio Pecora e Franco Marcoaldi,

Betti Pedrazzi, Ivano Battiston, Natalio Mangalavite, Valentino Zeichen e tanti altri

Tutti insieme per una lunga notte poetica

alla riscoperta dei confini della parola tra performance, versi e musica

in collaborazione con Rai Cinema, RaiNews24, Rai Educational, Rai Teche e Rai Radio 3

****

Lunedì 20 maggio versi e musica invaderanno gli spazi del Teatro Argentina nella lunga notte conclusiva della rassegna COME MUSICA, LA POESIA, il progetto a cura di Franco Marcoaldi, che dal 23 aprile ha aperto le porte dello Stabile capitolino alla poesia del Novecento riscuotendo un grande successo e unanime consenso di pubblico.

L’itinerario poetico lungo un mese – che ha portato sul palcoscenico i volti e le voci delle personalità che hanno attraversato la stagione poetica del secolo scorso, da Attilio Bertolucci a Sandro Penna, da Giorgio Caproni a Elsa Morante – termina il suo percorso con l’evento conclusivo LA NOTTE DELLA POESIA. Nomi celebri della poesia moderna e contemporanea saranno rievocati e raccontati da altrettanti poeti e autori illustri del nostro panorama culturale italiano, come Silvia Bre, Patrizia Cavalli, Elio Pecora e Franco Marcoaldi, oltre che da artisti di grande prestigio, come Gabriele Lavia, Peppe Servillo, Nicolatta Braschi, ed ancora Betti Pedrazzi, Ivano Battiston, Natalio Mangalavite, Valentino Zeichen e tanti altri. Tutti insieme per offrire al pubblico la possibilità di riportare al centro della scena la parola primaria della poesia, quel “suono del senso” di cui parlava Robert Frost, spesso tenuta ai margini della società che, proprio in virtù di questa posizione periferica, può svolgere una salutare funzione contagiosa di allarme e speranza (secondo Zanzotto), rispetto alla Babele del presente.

Durante la serata, il Teatro Argentina si offrirà come spazio aperto alla città, lasciandosi abitare e attraversare dal pubblico che sarà accompagnato e introdotto nel percorso artistico da attori-banditori che leggeranno e regaleranno testi poetici ai passanti.

LA NOTTE DELLA POESIA si apre alle ore 21.00 nella Sala Squarzina del Teatro Argentina per ripercorrere le vite, le storie e la produzione artistica dei grandi poeti attraverso video interviste, proiezioni e immagini di Bertolucci, Penna, Caproni, Zanzotto, Montale, Saba, Ungaretti, Eliot, Szymborska, Pasolini, Pound, Bishop, Walcott. Un viaggio suggestivo che dalle ore 22.30 trasferisce la grande poesia del Novecento sul palcoscenico del Teatro Argentina per duettare con le voci, le note, le performance di poeti, attori e musicisti, come Ivano Battiston, Fabio Battistelli, Nicoletta Braschi, Silvia Bre, Patrizia Cavalli, Roberto Deidier, Gabriele Lavia, Elio Pecora, Franco Marcoaldi, Natalio Mangalavite, Jolanda Insana, Gino Trucillo, Peppe Servillo, Diana Tejera, Betti Pedrazzi, Valerio Magrelli, Filippo Strumia, Fabrizio Falco, Gabriele Frasca, Gilberto Sacerdoti, Valentino Zeichen e altri ancora.

Per una notte sarà possibile accorciare le distanze con il mondo della poesia, per sua natura appartato, marginale, nascosto, rispetto al discorso pubblico, tanto pervasivo quanto terremotato e confusivo. Una serata unica per mettere in scena il connubio tra poesia e musica attraverso la contaminazione e la partecipazione di poeti, attori e musicisti, attorno al significato della parola poetica. Un’occasione speciale per valorizzare e giocare con l’aspetto sonoro, cantato, ritmico dei versi: accelerazioni linguistiche, mentali ed emotive che condensano in poche parole un pensiero, una memoria, un sentimento. Saranno i grandi poeti del Novecento, che hanno attraversato la guerra e la ricostruzione, a dimostrarci come ripartire dall’arte per ricostruire e recuperare il senso di stupore e di miracolo. Per illuminare la bellezza e le criticità del mondo.

 

Ufficio Stampa a cura di Amelia Realino

Autore: admin

Condividi