Marilena Toscano-Siracusa 2013. Cent’anni di Teatro Greco (gli spettacoli della nuova edizione)



Siracusa 2013


CENT’ANNI DI TEATRO GRECO

In cartellone, per la prossima edizione,”Edipo re”, “Antigone”, “Le donne in parlamento”

E’ l’ora degli anniversari per l’Istituto Nazionale del Dramma Antico che per il 2013 e il 2014 festeggerà il centenario del primo documento che ha decretato la nascita della fondazione e il primo spettacolo, nel 1914, al Teatro greco di Siracusa:  un centenario bivalente, che comincia quest’anno e si completerà l’anno prossimo. Così, in un clima di grande partecipazione, preceduto nei mesi passati da momenti di tensione e difficoltà organizzative per il mancato rinnovo della carica del sovrintendente,  è stata presentata la stagione teatrale 2013, 49° ciclo di spettacoli classici, dall’11 maggio al 23 giugno. E a rendere ancor più ottimisti quanti già sono alle prove in teatro e a lavoro negli uffici, la recente notizia di un’aggiunta nel finanziamento dalla Regione che aumenta di 382mila euro la cifra già stanziata di 191mila euro, portando così a 573mila il totale dei fondi. Il cartellone è stato illustrato dal commissario straordinario e presidente dell’Inda Alessandro Giacchetti. Calorosa l’atmosfera nella Sala Amorelli di Palazzo Greco dove c’erano attori, registi, musicisti e quanti collaborano e partecipano alla vita della fondazione.

A presentare gli spettacoli i registi, Daniele Salvo per Edipo Re, Cristina Pezzoli per Antigone di Sofocle, Vincenzo Pirrotta per la commedia Le donne al Parlamento di Aristofane. Ospite l’assessore regionale  al Turismo, la siracusana Mariarita Sgarlata che – ha assicurato – metterà ai primi posti del suo programma vita e benessere dell’Inda. Bei nomi, anche quest’anno, da Daniele Pecci ad Ugo Pagliai da Anna Bonaiuto a Laura Marinoni, a Stefano Bollani per la musica di Antigone, e ancora un «compleanno» eccellente, quello di Isa Danieli (Tiresia in Antigone), che festeggia i suoi 60 di palcoscenico e ieri era emozionatissima perché, per lei, è la prima volta al Teatro greco di Siracusa. Come sempre si ripete la miracolosa e sorprendente attualità delle  tragedie, e della commedia, più che mai quest’anno con le donne al centro di tutto: così Daniele Salvo conferma che il suo Edipo Re «segna quel passaggio dalla tirannide alla democrazia che tanto ci fa pensare alla nostra attualità».

E che dire di Antigone, dove Creonte «è sempre stato dato – dice Cristina Pezzoli – per cattivo, mentre anche lui ha le sue ragioni e io ho voluto mettere in evidenza la pericolosità di ogni fondamentalismo». Pirrotta sarà regista e attore, accanto ad Anna Bonaiuto, Prassagora, ma, dice, ancora non sa come sarà da attore perché non ha guardato dall’interno della scena, ma da fuori: ci penserà nei prossimi giorni, come nei prossimi giorni comporrà la sua musica Stefano Bollani. Che frequenta il teatro da quattro giorni: osserva, dice, poi comporrà, registrerà e lascerà al pubblico una testimonianza concreta della sua presenza: una «base» d’autore e la promessa che ogni tanto comparirà in scena.

Una scena ricca, fiera: Maurizio Donadoni (Creonte), Mauro Avogadro (servo e sacerdote in Edipo), Ilenia Maccarrone (Antigone). I Cori, affollati, con professionisti e allievi dell’Accademia del Dramma Antico. Marco Podda firmerà le musiche di Edipo re, Luca Mauceri della commedia di Aristofane. L’impianto scenico è di Maurizio Balò, i costumi di Antigone di Nanà Cecchi, le traduzioni di Guido Paduano per Edipo, Anna Beltrametti per Antigone e Andrea Capra per la commedia (che andrà in scena tutti i lunedì per sei spettacoli, dal 13 maggio al 17 giugno). Ad apertura della stagione, come da tradizione, il convegno di studi, quest’anno riservato ad Edipo nella modernità, 10 e 11 maggio, ci sarà il regista Mario Martone. L’evento è organizzato dalla rivista Dioniso, diretta da Guido Paduano.(asudeuropa.piolatorre.it)

Autore: admin

Condividi