Francesco Nicolosi Fazio-La lunga (perniciosa) vita di Margaret Thatcher


Post mortem


LA LUNGA (PERNICIOSA) VITA DI MARGARETH

Margaret Thatcher.png

Margareth Thatcher ci ha lasciati. La sua politica non ci lascerà mai più

****

“REGANOMICS MEANS UNEMPLOYMENT” . L’economia Reaganiana significa disoccupazione. Mi saluta col berretto il vecchio democratico americano, preoccupato per le conseguenze occupazionali delle politiche di destra, USA anni ’80. Foto alla parete, ricordo di un “Labour Day” dell’epoca. L’ineffabile Ronald aveva preso come dichiarato modello la “lady di ferro”, unendo, come non mai, le destre delle due sponde dell’atlantico. Stranamente erano sempre i Laburisti inglesi quelli più vicini alla politica estera americana: da Wilson (Vietnam) a Blair (Iraq).

In Italia, negli anni ’60, lo scontro politico era sul “modello di sviluppo” da una parte Togliatti, dall’altra il nostro Ugo La Malfa, che, oltre l’attività politica, conservava il diritto di firma per l’allora Banca Commerciale Italiana. Ma era una lotta politica che cercava onestamente lo Sviluppo e con questo il benessere dei cittadini. Poco più di un decennio dopo qualcuno in Inghilterra individuò nello smantellamento del sistema sociale e di sviluppo la soluzione ai problemi del capitalismo. Bisognava solo trovare l’interprete di tale soluzione: Marghareth Thatcher!

Con ottusa e spietata determinazione la signora riuscì a deindustrializzare il Regno Unito, chiudendo miniere, fabbriche, attività sociali e lasciando nell’assoluta disperazione milioni di cittadini (operai e no), il dramma  fu splendidamente rappresentato dal cinema di Loach e Daldry.

Oggi in Gran Bretagna l’80% (ottanta per cento!) del P.I.L. è rappresentato dalla finanza (banche, azioni, obbligazioni, i famigerati derivati tossici, ecc.). Una sorta di Svizzera british, o meglio una enorme Isola Cayman, dove il rettile è da intendersi al plurale, termine calzante ai “professionisti” della City. L’Inghilterra oggi è il crocevia di TUTTE  le attività finanziarie mondiali, non avendo (la GB) aderito né all’Euro né a Schengen e relative normative antiriciclaggio. Non è dato sapere quale situazione avrebbe raggiunto l’economia reale inglese (solo il 20% è attività concreta) se non fosse stata sostenuta dalle ricchezze scaturenti dal petrolio del mare del Nord (in acque peraltro internazionali).

Purtroppo la finanza mondiale ha trovato splendida la soluzione adottata in Gran Bretagna, così tutte le politiche dell’occidente evoluto hanno seguito le linee della perfida Albione, che ha messo il capitale come bene supremo e posto tutto il resto dell’economia (forza lavoro, imprenditoria vera, professionalità, attività sociale e culturale) nei minimi livelli di stima economica e morale. In sostanza siamo tutti “loser” (sfigati): operai, impiegati, professionisti, industriali, scienziati, professori. Gli unici “cool” (fichi) sono quelli che detengono il capitale ed i loro perfidi valletti, operatori della finanza.

Ma ancora il meglio deve venire, Quando sentiamo parlare di “riforme” ci preannunciano che vogliono imporre anche alla nostra nazione le “soluzioni” adottate dalla politica di estrema destra nata in Inghilterra, la tanto osannata “deregulation”, che vuol dire annullare le leggi e lasciare quella della giungla: mors tua vita mea. Il termine estrema destra non è eccessivo, considerando che i famosi “liberal” anglosassoni (sinistra) corrispondono effettivamente ai nostri estinti liberali (Malagodi chi era costui?), di cui recentemente è riapparso tale Patuelli come (guarda caso) capo dei banchieri italiani (ABI).

Lo straordinario coro unanime di elogi mondiali per la scomparsa della “lady di ferro” deve fare accapponare la pelle a tutti i veri democratici del pianeta. Per il semplice fatto che non possono essere i presunti capi mondiali così imbecilli da non capire che tutto quello che sta accadendo è stato preordinato a tavolino sul finire degli anni settanta, per essere poi portato a termine da tanti governi conservatori e no (Blair) Il dubbio (quasi certezza) è che questa tremenda guerra economica mondiale, che sta facendo stragi di molti esseri umani e della quasi totalità delle dignità personali, è perfettamente conosciuta e diretta dai terribili potenti della terra. Quelli veri, in gran parte ignoti.

Una coltre di piombo dorato sta per ricoprire l’intero pianeta. Mi resta solo la consolazione di avere coniato il termine del nuovo e tremendo ordine mondiale: MAFIASCISMO.

Autore: admin

Condividi