Franco La Magna-Fest.Cinema Europeo.Verso la conclusione

 

Festival del Cinema Europeo


VERSO LA CONCLUSIONE

L’omaggio a Fernando Di Leo- La retrospettiva Kaurismaki


Lecce- Si avvia alla conclusione il Festival del Cinema Europeo di Lecce (8-13 aprile) con l’arrivo di molti big del cinema, impegnati in incontri ed eventi speciali. Con la proiezione ieri di altri quattro film in concorso (che verranno riproposti oggi) sale ad otto il numero complessivo delle opere già passate sul grande schermo, mentre domani – con gli ultimi due – il composito ventaglio sarà concluso e la giuria potrà emettere il responso, premiando il vincitore che verrà reso noto soltanto durante la cerimonia di premiazione. Oggi 12 aprile, comunque, giornata onusta d’appuntamenti speciali a cominciare dall’incontro in mattinata con Aki Kaurismaki (il regista finlandese a cui è dedicata un’ampia retrospettiva), organizzato in collaborazione con il Sindacato Critici Cinematografici Italiani e curato da Bruno Torre e Massimo Causo. Alle 18,00 per l’omaggio a Fernando Di Leo (il regista pugliese scomparso dieci anni fa) proiezione del documentario “Fernando Di Leo. Un pugliese a Roma” di Deborah M. Farina, cui seguirà un altro incontro con autori ed ospiti d’eccezione, moderato da Domenico Monetti e Luca Pallanch.

Alle stessa ora, in contemporanea, proiezione del film “Come non detto” del giovane Ivan Silvestrini, cui verrà assegnato domani sera il premio “Mario Verdone” dai figli del noto storico e critico del cinema, Carlo e Luca. Quindi, alle 21,00, l’attore-regista Carlo Verdone intratterà Francesca Neri, anch’ella omaggiata in questa XIV edizione, con proiezioni di film. Seguirà “Carne Tremula” di Pedro Almodovar, di cui l’attrice è interprete principale.       Alle 23,00 concerto-spettacolo offerto dal Festival “Fiori di carta”, omaggio al grande chitarrista Django Reinhardt. Da segnalare ieri un’irruzione di giovani pro-Palestina dopo la proiezione del documentario “Safed: Sannicandro. Il viaggio di Eti” su un gruppo di contadini pugliesi convertitosi all’ebraismo e trasferititi, molti decenni addietro, in Israele. AI giovani è stato consentito di leggere un duro comunicato contro l’occupazione territoriale di Israele dei territori palestinesi, durante lo svolgimento dell’incontro-dibattito “Le comunità ebraiche nel Salento e i rapporti tra Puglia e Israele”, cui hanno partecipato (tra gli altri) Silvia Godelli, Assessore al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e Ofra Farhi, addetta culturare dell’ambasciata di Israele in Italia.

Autore: admin

Condividi