Angelo Pizzuto-“La trappola” di Pirandello-Lavia.Teatro Argentina Roma


Teatro     Il mestiere del critico

LAVIA- PIRANDELLO, VIVERE IN “TRAPPOLA”

Gabriele Lavia

Eccellente, riflessivo  spettacolo all’Argentina di Roma

****

E’ una sorta di nichilismo querulo,  irredimibile,coriaceo (perché  irascibile alla sola idea che possa esistere l’antidoto di una ‘vaga speranza’) quello che Gabriele Lavia, di scena all’Argentina di Roma, afferra e tiene ben stretto nella pirandelliana “La trappola”, sino ad una immedesimazione che sembra svelare  l’amaro miele della consonanza autobiografica. Quella di  “un uomo che si muove smarrito nella sua avita casa”. Mentre di là, fuori scena, un altro uomo piange .  “E’ il vecchio padre di quell’uomo solo.  Un vecchio che mangia imboccato dal figlio, i bisogni corporali se li fa addosso come i bambini piccoli. E piange. Piange senza un’apparente ragione”  La casa è cupa,insalubre, colma di scartoffie e vecchi volumi  rosi dalla polvere.

Nell’amara e schiettamente disperata filosofia dell’ Agrigentino (che scrisse questa atra novella poco più che quarantenne)  l’idea di ‘trappola’ è allegorica ma, allo stesso tempo, tremendamente tangibile.  La  casa è una trappola, anche se ha la si utilizza come tana. Non di meno, il pensiero, l’attitudine al ragionamento sono trappole mentali da cui è impossibile evadere, salvo ‘abbracciare’ la follia. Del resto anche venire al mondo, procreare, innamorarsi, ‘prender  gusto’ alla vita è un calappio ‘doppiamente infame’. Perché dal momento in cui si viene al mondo non si ‘può fare altro che iniziare a morire’, cosparso di  sentimenti,  opinioni,   abitudini  che sono altrettante gabbie di scherno ed empietà. Come dimostra, in modo straziato e paradigmatico quell’altro capolavoro pirandelliano che è “L’uomo dal fiore in bocca”, liddove un uomo ‘maturo ma non anziano’ inizia ad  amare la vita  proprio dal momento in cui gli viene diagnosticato un tumore maligno.

****

Facendo   sì che tale amore si faccia  sdegno verso quel genere di umanità che se ne crede immune – e che, da Dostoewskij (e Kierkegaard)  in poi,  elabora la seduzione della ‘malattia del vivere’, vizio assurdo di una condizione ontologica che attraverserà il novecento come nera sirena lungo testimonianze che vanno da  Svevo  a Benco  da Pavese a  Houellebecq.  In una rigida, fiera accettazione del proprio vulnus che rinuncia lucidamente ad ogni sollievo di ordine metafisico, spirituale, religioso.

Tesi che son qui elaborate da Gabriele Lavia in un fremente corpo a corpo con lo scrittore siciliano, di cui si inframezzano  altre pagine dalle ”Novelle per un anno”  corredate da  incursioni filosofiche nel cuore pulsante di quella cultura tedesca di inizio ‘900 così importante nella formazione del giovane-Pirandello, studente a Bonn.   “Il riferimento principale è a Nietzsche e soprattutto ad Arthur Schopenhauer”- afferma Lavia. Mentre  l’asse portante della ‘cognizione del dolore’ è il  dialogo tra la vita e la morte, tra malato e ‘viziato dalla sofferenza’:  quindi  “l’inutilità  del vivere che diventa rabbia e disprezzo per la vita, soprattutto per le donne che ne sono sorgenti” .  Tema  di aspra attualità (deplorevole misoginia del Pirandello-pensiero  o timor sacro per una diversità di genere che egli  percepisce biologicamente più forte?),  anche nel suo  contraddittorio divagare   fra diritto all’ autodeterminazione e  seduzioni  dell’ eutanasia  ‘plausibile, non blasfema’

Quanto al resto è tutto  un ribollire di  accessorie tematiche  esistenziali :  dalla ricerca della verità che “dipende dalla percezione e dalla luce che ci svela o ci deforma il mondo” al  verso con il quale usare il cannocchiale (preferibilmente rovesciato) “per guardare il mondo alla maggiore distanza possibile”, pur se si tratta di un’illusione ottica, quindi di un autoinganno. Ed infine la decadenza del corpo  e l’insostenibilità  della vecchiaia, nostra e altrui, nella perpetua (consueta) lotta  tra essere e apparire, mentre  ‘le opere di misericordia’, affidate ai buoni uffici di madre chiesa (che delega alla ‘pia donna’ l’ipocrisia di fingersi amante) disvelano l’ultima trappola del comune naufragio sub specie di paternità estorta alla maniera delle api regine.

Straordinario Gabriele Lavia-la classe non è acqua- nel rendere discorsivo, colloquiale, mimeticamente consequenziale questo gioco ‘dal sottosuolo’  in alto equilibrismo della parola, tesa sulla corda circense  del pensiero eretico. Ed  esposta  all’abisso della Grande  Vertigine come  partecipe  di un esistenzialismo ateo (Sarte, “L’essere e il nulla”) che affida al teatro una  gravosa missione di  proselitismo  eretico.

Applausi scroscianti per uno spettacolo che non consola, ma aiuta a pensare da alte vette- senza paracadute.

****

“La trappola” da Luigi Pirandello  Adattamento e regia Gabriele Lavia   Con Gabriele Lavia, Giovanna Guida e Riccardo Monitillo  Scene di Alessandro Camera.  Costu mi di Andrea Viotti   Musiche di Giordano Corapi  Luci di Giovanni Santolamazza.  Teatro Argentina di Roma

Autore: admin

Condividi